Una verifica dell’allestimento come arte dello spazio