"Design", fra le più giovani discipline del fare. "Disegno", la più antica forma espressiva. Il primo largamente coincidente col mondo delle cose, il secondo col mondo delle rappresentazioni. Quale struttura di raccordo consente al 'designer' di sintetizzarli entrambi nei processi di conoscenza e di invenzione o, come si dice in gergo, nei processi di analisi e di progetto? Quale dispositivo può agire da 'medium' fra cose, rappresentazione e pensiero? Principalmente, l'immagine. E' questa la tesi sostenuta nel libro. Come, infatti, l'insieme dei significati della "forma concreta" converge nella morfologia costruita, così i significati della "forma rappresentata" convergono nella morfologia raffigurata, gli uni e gli altri traducendosi in immagini ricomposte nella "forma pensata". Il lavoro si sofferma sulle relazioni instauratesi fra il disegno e il design, partendo da una ricognizione generale sugli intrecci fra le due discipline, per poi arrivare a una più puntuale descrizione dello sfaccettato rapporto dei designer con il disegno, attraverso l'esame di alcune opere e una rassegna di esperienze didattiche. "Fra Disegno e Design" mostra infine come questi due poli non siano né contrapposti né lontani, bensì coniugati e talora complementari. Il libro intende segnalare allo studente il fascino e il potenziale operativo della rappresentazione e offrire al lettore e agli operatori del settore argomenti di riflessione.

Fra Disegno e Design: temi, forme, codici, esperienze

COCCHIARELLA, LUIGI
2009

Abstract

"Design", fra le più giovani discipline del fare. "Disegno", la più antica forma espressiva. Il primo largamente coincidente col mondo delle cose, il secondo col mondo delle rappresentazioni. Quale struttura di raccordo consente al 'designer' di sintetizzarli entrambi nei processi di conoscenza e di invenzione o, come si dice in gergo, nei processi di analisi e di progetto? Quale dispositivo può agire da 'medium' fra cose, rappresentazione e pensiero? Principalmente, l'immagine. E' questa la tesi sostenuta nel libro. Come, infatti, l'insieme dei significati della "forma concreta" converge nella morfologia costruita, così i significati della "forma rappresentata" convergono nella morfologia raffigurata, gli uni e gli altri traducendosi in immagini ricomposte nella "forma pensata". Il lavoro si sofferma sulle relazioni instauratesi fra il disegno e il design, partendo da una ricognizione generale sugli intrecci fra le due discipline, per poi arrivare a una più puntuale descrizione dello sfaccettato rapporto dei designer con il disegno, attraverso l'esame di alcune opere e una rassegna di esperienze didattiche. "Fra Disegno e Design" mostra infine come questi due poli non siano né contrapposti né lontani, bensì coniugati e talora complementari. Il libro intende segnalare allo studente il fascino e il potenziale operativo della rappresentazione e offrire al lettore e agli operatori del settore argomenti di riflessione.
Città Studi Edizioni (De Agostini, Utet Università)
9788825173482
Disegno; design; product design; interior design; communication design; fashion design; ambiente; rappresentazione; teoria della rapresentazione; appresentazione analogica; rappresentazione digitale; realtà virtuale; didattica; geometria descrittiva; misura; rilevamento; progetto
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
2009_Cocchiarella_Fra Disegno e Design.pdf

Accesso riservato

Descrizione: Volume completo nella versione pubblicata
: Publisher’s version
Dimensione 23.28 MB
Formato Adobe PDF
23.28 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11311/563620
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact