Il borgo di Gazzuolo è sorto in corrispondenza di uno storico passaggio fluviale: un ponte, conteso sin dal Medioevo fra le fazioni cremonesi e mantovane, fra quelle guelfe e ghibelline. Passato sotto il dominio dei Gonzaga all’esordio del XV secolo, l'abitato ha quindi conosciuto una rapida evoluzione a partire dalla fine del Quattrocento allorquando divenne sede del piccolo potentato retto dal marchese Gianfrancesco Gonzaga e dal fratello, il cardinale Francesco, entrambi figli di Ludovico II Gonzaga, signore di Mantova. Circondato da un’ampia fossa e fornito di un embrionale maglia viaria ad assi ortogonali impostata sulla contrada principale, il borgo fu dotato di palazzetti dal caratteristico assetto civile (allineati ed uniformati in altezza secondo i canoni albertiani), celanti alle spalle tutte le pertinenze tipiche della casa rurale padana (aia, rustici, fienili, stalle). Dotata di lunghi portici costituiti da una lunga sequenza di archi retti da colonne marmoree di pregevole fattura, la maggior contrada fu concepita per inquadrare prospetticamente il palazzo fortificato, avviato da Gianfrancesco e lasciato incompleto alla sua morte, nel 1496. In una ricca sequenza di artefici il saggio ricostruisce, alla luce di fonti inedite, la storia delle principali opere architettura del borgo, partendo dal Rinascimento sino al XX secolo.

Fonti per la storia del borgo di Gazzuolo

TOGLIANI, CARLO
2007

Abstract

Il borgo di Gazzuolo è sorto in corrispondenza di uno storico passaggio fluviale: un ponte, conteso sin dal Medioevo fra le fazioni cremonesi e mantovane, fra quelle guelfe e ghibelline. Passato sotto il dominio dei Gonzaga all’esordio del XV secolo, l'abitato ha quindi conosciuto una rapida evoluzione a partire dalla fine del Quattrocento allorquando divenne sede del piccolo potentato retto dal marchese Gianfrancesco Gonzaga e dal fratello, il cardinale Francesco, entrambi figli di Ludovico II Gonzaga, signore di Mantova. Circondato da un’ampia fossa e fornito di un embrionale maglia viaria ad assi ortogonali impostata sulla contrada principale, il borgo fu dotato di palazzetti dal caratteristico assetto civile (allineati ed uniformati in altezza secondo i canoni albertiani), celanti alle spalle tutte le pertinenze tipiche della casa rurale padana (aia, rustici, fienili, stalle). Dotata di lunghi portici costituiti da una lunga sequenza di archi retti da colonne marmoree di pregevole fattura, la maggior contrada fu concepita per inquadrare prospetticamente il palazzo fortificato, avviato da Gianfrancesco e lasciato incompleto alla sua morte, nel 1496. In una ricca sequenza di artefici il saggio ricostruisce, alla luce di fonti inedite, la storia delle principali opere architettura del borgo, partendo dal Rinascimento sino al XX secolo.
Gazzuolo, Belforte. Storia, arte, cultura
9788874952298
StoriaCittàTerritorio,StoriaArchitettura,Urbanistica,Fortificazioni,Belforte,Bozzolo,Campitello,Gazzuolo: palazzoGonzaga; piazzaVegro; ponte; portici; S.MariaNascente; Teatro“P.Giacometti”,GazzuoloTinazzo,Mantova:CittadellaPorto,Mosio,Nocegrossa,RivaroloMantovano,S.Martinod.Argine,Sabbioneta,Spineda,Tezzoglio,Torre d’Oglio,fiume Oglio,famiglie:Azzini; Cavalcabò; Caracci; Panicelli; Ramesini Luzzara,Giuseppe Bertazzolo; Giacobbe di Neftali Coen; Carlo/Francesco/Luigi D’Arco,Federico Follino; Carlo I Nevers/Federico I/Francesco cardinale/Francesco II/Francesco IV/Federico/Federico II/Ferdinando Carlo/Gianfrancesco/Guglielmo/Ludovico vescovo/Ludovico II/Luigi/Scipione/Vespasiano/Vincenzo I/ Vincenzo II Gonzaga; Eleonora de Medici; Eugenio di Savoia,architetti:Ermes Flavio de Bonis; G.Francesco Cornacchia; Alessandro Da Lisca; Livio Provasoli Ghirardini; Andrea Schiavi; Antonio Maria Viani,commediografi e drammaturghi:Paolo Giacometti; G.Battista Leoni,ingegneri e periti:Bertazzolo da Acquanegra; Gabriele jr./G.Angelo Bertazzolo; Giuseppe Berzovini; Francesco Cremonesi; Bernardino Facciotto; Luca Fancelli; Italo Gasparetti; Giovan Francesco Grassi; Luigi Marson; Giuseppe Loddi; Attilio Mori; Doricilio Moscatelli Battaglia; Gaetano Nuvoletti; Giovanni da Padova; Ottorino Pavesi; Francesco Tensini; Giovanni Tognini; Giuseppe/Pirro Togliani,muratori: Luigi Taffelli,pittori:Alessandro Ferraresi; Giuseppe Lazzè,scultori:Antonio Bariseli; Jacopo Alari Bonacolsi (Antico)
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
GAZZUOLO.1.pdf

Accesso riservato

: Publisher’s version
Dimensione 2.7 MB
Formato Adobe PDF
2.7 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11311/561955
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact