Le immagini ad alta risoluzione riprese dai sensori spaziali, grazie alla loro crescente disponibilità e al continuo miglioramento degli algoritmi di ortorettifica resi disponibili agli utenti finali, sembrano poter diventare in un prossimo futuro utili strumenti per la produzione e l’aggiornamento di cartografia a media-grande scala. Attualmente, le possibilità di restituzione dalle immagini satellitari sono fortemente influenzate dalla difficoltà di ottenere coppie stereoscopiche (almeno per i satelliti a più alta risoluzione) e questo, di fatto, ne limita ancora l’utilizzo alla sola produzione di cartografia 2D. Evidentemente, il prodotto cartografico che può essere ricavato per questa via è diverso rispetto alla cartografia numerica 3D ricavata con metodi aero-fotogrammetrici: la terza dimensione dell’oggetto non può essere calcolata e la dimensione del pixel dei sensori attualmente disponibili per usi civili consente la produzione di cartografia esclusivamente alle scale comprese tra 1:10.000 e 1:5.000. In questo lavoro si presenta un primo test di estrazione di layer vettoriali (edifici e strade) da immagini IKONOS pancromatiche sulla zona del lago di Lecco, da utilizzare successivamente per la produzione di cartografia alla scala 1:10.000. I layer vettoriali estratti dalle immagini IKONOS sono stati confrontati con la CTR 1:10.000 e con alcune ortofoto dell’area test, verificando l’ottenimento delle precisioni planimetriche previste per la produzione della cartografia alla scala 1:10.000.

Estrazione di layer vettoriali per utilizzo cartografico da immagini satellitari ad alta risoluzione.

GIANINETTO, MARCO;SCAIONI, MARCO
2004

Abstract

Le immagini ad alta risoluzione riprese dai sensori spaziali, grazie alla loro crescente disponibilità e al continuo miglioramento degli algoritmi di ortorettifica resi disponibili agli utenti finali, sembrano poter diventare in un prossimo futuro utili strumenti per la produzione e l’aggiornamento di cartografia a media-grande scala. Attualmente, le possibilità di restituzione dalle immagini satellitari sono fortemente influenzate dalla difficoltà di ottenere coppie stereoscopiche (almeno per i satelliti a più alta risoluzione) e questo, di fatto, ne limita ancora l’utilizzo alla sola produzione di cartografia 2D. Evidentemente, il prodotto cartografico che può essere ricavato per questa via è diverso rispetto alla cartografia numerica 3D ricavata con metodi aero-fotogrammetrici: la terza dimensione dell’oggetto non può essere calcolata e la dimensione del pixel dei sensori attualmente disponibili per usi civili consente la produzione di cartografia esclusivamente alle scale comprese tra 1:10.000 e 1:5.000. In questo lavoro si presenta un primo test di estrazione di layer vettoriali (edifici e strade) da immagini IKONOS pancromatiche sulla zona del lago di Lecco, da utilizzare successivamente per la produzione di cartografia alla scala 1:10.000. I layer vettoriali estratti dalle immagini IKONOS sono stati confrontati con la CTR 1:10.000 e con alcune ortofoto dell’area test, verificando l’ottenimento delle precisioni planimetriche previste per la produzione della cartografia alla scala 1:10.000.
Atti della VIII Conferenza Nazionale ASITA
88-900943-6-1
cartografia; immagini satellitari; IKONOS; CTR
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
418_2.pdf

accesso aperto

Descrizione: full paper
: Publisher’s version
Dimensione 551.95 kB
Formato Adobe PDF
551.95 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11311/561413
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact