Inedite fonti d’archivio restituiscono la storia delle prime attendibili rappresentazioni a volo d’uccello del territorio e della città di Mantova: la coppia di autore anonimo dipinta ad affresco nella Galleria vaticana delle Carte Geografiche (curata da Egnazio Danti fra 1580 e 1581) e quella disegnata, incisa e data alle stampe dall’ingegnere mantovano Gabriele jr. Bertazzolo (fra 1596 e 1597). Al di là delle differenti impostazioni, le similitudini, le coincidenze e un’indagine sugli artefici al servizio di Guglielmo e Vincenzo I Gonzaga nel quindicennio che separa le due redazioni, consentono di avanzare ipotesi sulla paternità delle raffigurazioni romane, maturate durante la prefettura mantovana dell’architetto e pittore Bernardino Brugnoli. Prefettura durante la quale erano presenti a Mantova di Curzio Ardizio e Giacomo Critonio e attivi gli ingegneri agrimensori Giovan Buono, Giovan Angelo e Lorenzo Bertazzolo. Quest’ultimo, padre di Gabriele jr., fu col figlio a Roma in anni imprecisati compresi comunque fra il settimo e l’ottavo decennio del secolo. Nel saggio è ricostruita la fornitura di disegni preparatori per i dipinti vaticani, sono individuati i prototipi e le dinamiche di redazione delle vedute bertazzoliane (una delle quali servì da modello per la decorazione delle Stanze delle Città in Palazzo Ducale), i rapporti della corte mantovana con Giovanni Antonio Magini durante la stesura dell’atlante geografico “Italia”. La cartografia prodotta da Gabriele jr. Bertazzolo (anche con l'aiuto del cugino Giovan Battista Bertazzolo) ebbe a Mantova larga fortuna anche dopo la morte dell'ingegnere che al suo perfezionamento ancora lavorava nel 1626. Una fortuna che ha determinato la ripetizione di quei prototipi in molte incisioni prodotte nel XVII e ancora nel XVIII secolo.

Iconografia mantovana. Dall'affresco vaticano di Ignazio Danti alle incisioni di Gabriele Bertazzolo

TOGLIANI, CARLO
2002

Abstract

Inedite fonti d’archivio restituiscono la storia delle prime attendibili rappresentazioni a volo d’uccello del territorio e della città di Mantova: la coppia di autore anonimo dipinta ad affresco nella Galleria vaticana delle Carte Geografiche (curata da Egnazio Danti fra 1580 e 1581) e quella disegnata, incisa e data alle stampe dall’ingegnere mantovano Gabriele jr. Bertazzolo (fra 1596 e 1597). Al di là delle differenti impostazioni, le similitudini, le coincidenze e un’indagine sugli artefici al servizio di Guglielmo e Vincenzo I Gonzaga nel quindicennio che separa le due redazioni, consentono di avanzare ipotesi sulla paternità delle raffigurazioni romane, maturate durante la prefettura mantovana dell’architetto e pittore Bernardino Brugnoli. Prefettura durante la quale erano presenti a Mantova di Curzio Ardizio e Giacomo Critonio e attivi gli ingegneri agrimensori Giovan Buono, Giovan Angelo e Lorenzo Bertazzolo. Quest’ultimo, padre di Gabriele jr., fu col figlio a Roma in anni imprecisati compresi comunque fra il settimo e l’ottavo decennio del secolo. Nel saggio è ricostruita la fornitura di disegni preparatori per i dipinti vaticani, sono individuati i prototipi e le dinamiche di redazione delle vedute bertazzoliane (una delle quali servì da modello per la decorazione delle Stanze delle Città in Palazzo Ducale), i rapporti della corte mantovana con Giovanni Antonio Magini durante la stesura dell’atlante geografico “Italia”. La cartografia prodotta da Gabriele jr. Bertazzolo (anche con l'aiuto del cugino Giovan Battista Bertazzolo) ebbe a Mantova larga fortuna anche dopo la morte dell'ingegnere che al suo perfezionamento ancora lavorava nel 1626. Una fortuna che ha determinato la ripetizione di quei prototipi in molte incisioni prodotte nel XVII e ancora nel XVIII secolo.
Storia dell'architettura e dintorni dal Cinquecento al Novecento
8840007792
Storia dell'Architettura; Storia della Cartografia; Storia dell'Arte; Storia del Territorio, Gonzaga: Palazzo Gonzaga; Stanza delle Città, Mantova: Palazzo Ducale; Stanze delle Città; Loggia delle Città; Palazzo S.Sebastiano; Stanza delle Città, Marmirolo: Villa Gonzaga-Stanza del Mappamondo, Monaco di Baviera: Antiquarium; Grottenhof, Roma: Galleria Vaticana delle Carte Geografiche, Sabbioneta-Galleria delle Città, Curzio Ardizio; Vittorio Baldini; Giacomo Critonio; Isabella d’Este Francesco II/Guglielmo/Vespasiano/Vincenzo I Gonzaga; Eleonora Medici, architetti e pittori: Ippolito Andreasi; Bernardino Brugnoli; G.Battista/Paolo Covo; Pietro Facchetti; Jacopo Strada; Antonio Maria Viani, geografi e cartografi: Vincenzo Coronelli; Ignazio Danti; Giovanni Antonio Magini, ingegneri: Gabriele jr./G.Angelo/G.Battista/G.Buono/Lorenzo Bertazzolo; Bernardino Facciotto; Doriciglio Moscatelli Battaglia
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
TOGLIANI_QUADERNI DEL POLITECNICO_ICONOGRAFIA MANTOVANA.pdf

Accesso riservato

: Publisher’s version
Dimensione 8.54 MB
Formato Adobe PDF
8.54 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11311/561077
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact