Le costruzioni arginali in terra cruda costituiscono a pieno titolo una forma di architettura su scala territoriale. I poderosi terrapieni eretti nella pianura mantovana a difesa delle campagne dalle esondazioni fluviali sono opere di grande portata, completate già allo scadere del XV secolo e continuamente aggiornate nel corso dei secoli. Essi furono affidati all'esperienza di ingegneri idraulici di valore ed esperienza come gli esponenti della famiglia Bertazzolo, attiva fra Mantovano, Ferrarese e Monferrato sotto i Gonzaga. L'esame delle conoscenze tecniche di Gabriele jr. Bertazzolo, il più celebre tecnico del casato, sono indagate alla luce dell'inventario dei beni (in cui sono riportati libri e strumenti) e di alcuni documenti d'archivio che attestano l'originale approccio al problema delle rotte fluviali. Un approccio originale ed efficace (basato sull'impiego anche di macchine e artifici) che lo rese celebre e vincente nel 1606 su di un altro esperto del settore, l'ingegnere fiorentino Antonio Lupicini.

Fra terra e acqua nei secoli XVI e XVII. Una famiglia di ingegneri: i Bertazzolo

TOGLIANI, CARLO
2002

Abstract

Le costruzioni arginali in terra cruda costituiscono a pieno titolo una forma di architettura su scala territoriale. I poderosi terrapieni eretti nella pianura mantovana a difesa delle campagne dalle esondazioni fluviali sono opere di grande portata, completate già allo scadere del XV secolo e continuamente aggiornate nel corso dei secoli. Essi furono affidati all'esperienza di ingegneri idraulici di valore ed esperienza come gli esponenti della famiglia Bertazzolo, attiva fra Mantovano, Ferrarese e Monferrato sotto i Gonzaga. L'esame delle conoscenze tecniche di Gabriele jr. Bertazzolo, il più celebre tecnico del casato, sono indagate alla luce dell'inventario dei beni (in cui sono riportati libri e strumenti) e di alcuni documenti d'archivio che attestano l'originale approccio al problema delle rotte fluviali. Un approccio originale ed efficace (basato sull'impiego anche di macchine e artifici) che lo rese celebre e vincente nel 1606 su di un altro esperto del settore, l'ingegnere fiorentino Antonio Lupicini.
Argille, ghiaie, pietre, calci. Materiali da costruzione nella storia del territorio mantovano
8887355541
Storia del Territorio; Storia delle Tecniche Costruttive; Storia dell’Ingegneria; Storia della Bonifica; Storia delle Istituzioni, Digagne, Magistrato Ducale/Camerale, Prefettura alle Acque; Superiorità alle Acque; Soprintendenza alle Acque, Alluvioni, Mantova, Mantovano, Revere, Fossa di Pozzolo e Castiglione Mantovano, G.Bauer Agricola; G.Battista Aleotti; Erone Alessandrino; Archimede; Daniele Barbaro; Silvio Belli; G.Battista Bertani; Agostino/Andrea/Francesco/Gabriele sr. e jr./G.Angelo/G.Battista Bertazzolo; Jacob Besson; Ercole Bevilacqua; Alessandro Capobianco; Girolamo Cattaneo; Albrecht Duerer; Alfonso II d’Este; Giovanni d’Este; Ottavio Fabbri; Abel Fullone; Gallileo Galilei; Federico II/Ercole/Guglielmo/Vincenzo I Gonzaga; Bonaiuto Lorini; Antonio Lupicini; Guidobaldo del Monte; Latino Orsini; Giulio Resemini; Lorenzo Sirigatti; G.Francesco Tarabuzzi; Nicolò Tartaglia; Francesco Tensini; G.Battista Zanchi; Vittorio Zonca
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
TOGLIANI_GHIAIE E ARGILLE.pdf

Accesso riservato

: Publisher’s version
Dimensione 6.92 MB
Formato Adobe PDF
6.92 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11311/561054
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact