L’attuale panorama medico scientifico, tecnologico, sociale ed economico pone l’edilizia sanitaria in una situazione di forte crisi che perdura da più di un decennio, anche se oggi sembra possibile iniziare ad identificare dei nuovi riferimenti che indirizzino il processo di rinnovo. Tutti i postulati progettuali, i riferimenti tipologici e dimensionali, le certezze organizzative e distributive, i parametri quantitativi e qualitativi che fino a pochi anni fa definivano chiaramente e senza incertezze il campo di azione del progettisti nel settore ospedaliero si sono dimostrati spesso fallimentari ed in ogni caso non più applicabili. Il tecnico che opera nel settore dell’edilizia sanitaria si trova oggi davanti all’esigenza di ridare alla sua azione quei contenuti progettuali, nel significato più vero del termine, che sembrava aver perso. Progettare significa “gettare in avanti” prefigurare degli scenari non ancora chiari; solo in questo modo la progettazione ospedaliera può sperare di tenere il passo di una società in cui i processi di mutazione, cambiamento e sviluppo si fanno sempre più rapidi e imprevedibili. L’ospedale del futuro non potrà essere l’esito della somma di ambienti copiati di volta in volta dalla progettazione alberghiera, aeroportuale, dai centri commerciali, dai centri di logistica o dal terziario avanzato, ma dovrà assumere una nuova, propria, chiara e precisa identità.

Criteri di progettazione ospedaliera

TARTAGLIA, ANDREA
2006-01-01

Abstract

L’attuale panorama medico scientifico, tecnologico, sociale ed economico pone l’edilizia sanitaria in una situazione di forte crisi che perdura da più di un decennio, anche se oggi sembra possibile iniziare ad identificare dei nuovi riferimenti che indirizzino il processo di rinnovo. Tutti i postulati progettuali, i riferimenti tipologici e dimensionali, le certezze organizzative e distributive, i parametri quantitativi e qualitativi che fino a pochi anni fa definivano chiaramente e senza incertezze il campo di azione del progettisti nel settore ospedaliero si sono dimostrati spesso fallimentari ed in ogni caso non più applicabili. Il tecnico che opera nel settore dell’edilizia sanitaria si trova oggi davanti all’esigenza di ridare alla sua azione quei contenuti progettuali, nel significato più vero del termine, che sembrava aver perso. Progettare significa “gettare in avanti” prefigurare degli scenari non ancora chiari; solo in questo modo la progettazione ospedaliera può sperare di tenere il passo di una società in cui i processi di mutazione, cambiamento e sviluppo si fanno sempre più rapidi e imprevedibili. L’ospedale del futuro non potrà essere l’esito della somma di ambienti copiati di volta in volta dalla progettazione alberghiera, aeroportuale, dai centri commerciali, dai centri di logistica o dal terziario avanzato, ma dovrà assumere una nuova, propria, chiara e precisa identità.
Edilizia Ospedaliera. Approcci metodologici e progettuali
8820334968
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Tartaglia Hoepli RID.pdf

Accesso riservato

: Post-Print (DRAFT o Author’s Accepted Manuscript-AAM)
Dimensione 7.61 MB
Formato Adobe PDF
7.61 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11311/553054
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact