Lo studio analizza un’articolazione sia storica sia teorica della nozione di rappresentazione essenziale nella filosofia moderna e quasi paradigmatica nella filosofia contemporanea. E prova, soprattutto, a progettare una visione alternativa, fondata sulla nozione di rappresentazione “comparativa”, della quale articola le condizioni di possibilità e le conseguenze sia gnoseologiche sia etiche. La visione che sintetizza la contemporaneità filosofica considera la rappresentazione non una possibilità di ingresso all’oggetto di riferimento, ma un oggetto di riferimento a sé, e ha il potere, tra l’altro, di dare una visibilità particolare ad altri quesiti filosofici cruciali: la relazione tra empiria e verità, il quesito sulla fondazione, la nozione di verità e gli statuti della rappresentazione scientifica e della rappresentazione artistica. Lo studio analizza il significato radicale della nozione di rappresentazione, la sua genesi moderna attraverso l’empirismo britannico del Seicento e del Settecento, il suo sviluppo sia attraverso Kant sia attraverso gli empiristi logici, ispirati da Wittgenstein e in dialogo critico con Cassirer, e il suo risultato contemporaneo, in particolare attraverso la filosofia analitica.

La rappresentazione. Una risposta filosofica sulla verità dell’esperienza sensibile

CHIODO, SIMONA
2008

Abstract

Lo studio analizza un’articolazione sia storica sia teorica della nozione di rappresentazione essenziale nella filosofia moderna e quasi paradigmatica nella filosofia contemporanea. E prova, soprattutto, a progettare una visione alternativa, fondata sulla nozione di rappresentazione “comparativa”, della quale articola le condizioni di possibilità e le conseguenze sia gnoseologiche sia etiche. La visione che sintetizza la contemporaneità filosofica considera la rappresentazione non una possibilità di ingresso all’oggetto di riferimento, ma un oggetto di riferimento a sé, e ha il potere, tra l’altro, di dare una visibilità particolare ad altri quesiti filosofici cruciali: la relazione tra empiria e verità, il quesito sulla fondazione, la nozione di verità e gli statuti della rappresentazione scientifica e della rappresentazione artistica. Lo studio analizza il significato radicale della nozione di rappresentazione, la sua genesi moderna attraverso l’empirismo britannico del Seicento e del Settecento, il suo sviluppo sia attraverso Kant sia attraverso gli empiristi logici, ispirati da Wittgenstein e in dialogo critico con Cassirer, e il suo risultato contemporaneo, in particolare attraverso la filosofia analitica.
Pearson Paravia Bruno Mondadori
9788861592490
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11311/549418
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact