Dalla prima richiesta di Napoleone a Piermarini per un preventivo per la costruzione della facciata del Duomo di Milano sino alla costruzione della stessa nel 1812, la Veneranda Fabbrica gestisce una vicenda intricata di progettazione e di responsabilità. La conclusione, sottoposta al giudizio di un pubblico più consapevole, registra anche episodi insoliti come quello della pubblicazione di un opuscolo da parte del responsabile del progetto realizzato, Carlo Amati, a sostegno delle proprie scelte, articolato su una conversazione tra un progettista, un cittadino e un forestiero.

"Il più grande ornamento di questa metropoli"

RICCI, GIULIANA
2003

Abstract

Dalla prima richiesta di Napoleone a Piermarini per un preventivo per la costruzione della facciata del Duomo di Milano sino alla costruzione della stessa nel 1812, la Veneranda Fabbrica gestisce una vicenda intricata di progettazione e di responsabilità. La conclusione, sottoposta al giudizio di un pubblico più consapevole, registra anche episodi insoliti come quello della pubblicazione di un opuscolo da parte del responsabile del progetto realizzato, Carlo Amati, a sostegno delle proprie scelte, articolato su una conversazione tra un progettista, un cittadino e un forestiero.
...e il Duomo toccò il cielo"
8884916453
Duomo Milano; Carlo Amati
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11311/507351
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact