In uno scenario europeo e italiano di lutti per l'architettura (morte di Loos e chiusura del Bauhaus) si definisce la vicenda della colonia di artisti all'Isola Comacina che riflette l'incrocio di due tensioni culturali: il sostegno all'integrazione delle arti e l'energica difesa di un sistema d'insegnamento ormai discusso. Sono due sfide sostenute dall'inaugurazione della Triennale di Milano, dalla Réunion internazionale degli architetti sulla formazione e dalla trasformazione del corso architetti civili in Facoltà di Architettura diretta da Gaetano Moretti, coinvolto nelle vicende dell'isola.

Prefazione

RICCI, GIULIANA
2005

Abstract

In uno scenario europeo e italiano di lutti per l'architettura (morte di Loos e chiusura del Bauhaus) si definisce la vicenda della colonia di artisti all'Isola Comacina che riflette l'incrocio di due tensioni culturali: il sostegno all'integrazione delle arti e l'energica difesa di un sistema d'insegnamento ormai discusso. Sono due sfide sostenute dall'inaugurazione della Triennale di Milano, dalla Réunion internazionale degli architetti sulla formazione e dalla trasformazione del corso architetti civili in Facoltà di Architettura diretta da Gaetano Moretti, coinvolto nelle vicende dell'isola.
L’Isola degli artisti. Un laboratorio del moderno sul lago di Como
8884833515
formazione dell'architetto Facoltà di architettura
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11311/507318
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact