L’approccio metaprogettuale è proprio dell’ambito del design, disciplina da sempre volta alla ricerca del nuovo e all’innovazione. Quest’ultima passa infatti attraverso la costruzione di scenari e si avvale di ibridazioni tra campi di ricerca e settori merceologici diversi tra loro. Lo sguardo verso il domani, che proietta nuove soluzioni in futuri mondi possibili, è concentrato sull’intercettazione di infiniti segnali a fronte di un’osservazione creativa pilotata e consapevole tanto importante quanto l’elaborazione e la trasformazione vera e propria dei dati. La complessità della società contemporanea richiede sempre più un atteggiamento strutturato anche nella fase di studio dei presupposti: individuare e verificare i termini di un contesto è infatti tanto rilevante quanto progettare l’“oggetto” in sé. Dal problem setting al problem solving: definire il problema e saper formulare una buona domanda è il primo passo verso una progettazione innovativa. Perimetrare e individuare la questione è il momento più difficile e delicato in quanto si va a definire e a delineare un brief che poi detterà le linee guida per lo svolgimento vero e proprio dell’idea. Il progettista si muove mettendo in campo competenze registiche, in questa fase infatti è importante la capacità di vedere il sistema e di saper fare relazioni, saper raccontare un “nuovo mondo” all’interno del quale far intravvedere nuove potenzialità progettuali.

I segni del progetto

TROCCHIANESI, RAFFAELLA
2008-01-01

Abstract

L’approccio metaprogettuale è proprio dell’ambito del design, disciplina da sempre volta alla ricerca del nuovo e all’innovazione. Quest’ultima passa infatti attraverso la costruzione di scenari e si avvale di ibridazioni tra campi di ricerca e settori merceologici diversi tra loro. Lo sguardo verso il domani, che proietta nuove soluzioni in futuri mondi possibili, è concentrato sull’intercettazione di infiniti segnali a fronte di un’osservazione creativa pilotata e consapevole tanto importante quanto l’elaborazione e la trasformazione vera e propria dei dati. La complessità della società contemporanea richiede sempre più un atteggiamento strutturato anche nella fase di studio dei presupposti: individuare e verificare i termini di un contesto è infatti tanto rilevante quanto progettare l’“oggetto” in sé. Dal problem setting al problem solving: definire il problema e saper formulare una buona domanda è il primo passo verso una progettazione innovativa. Perimetrare e individuare la questione è il momento più difficile e delicato in quanto si va a definire e a delineare un brief che poi detterà le linee guida per lo svolgimento vero e proprio dell’idea. Il progettista si muove mettendo in campo competenze registiche, in questa fase infatti è importante la capacità di vedere il sistema e di saper fare relazioni, saper raccontare un “nuovo mondo” all’interno del quale far intravvedere nuove potenzialità progettuali.
Semiotica e progetto
9788846491381
metaprogetto; design per i beni culturali; semiotica
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
i_segni_del_progetto.pdf

Accesso riservato

: Altro materiale allegato
Dimensione 70.34 kB
Formato Adobe PDF
70.34 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11311/506748
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact