Il testo affronta la disciplina dell’industrial design per illustrarne la pratica professionale, il processo decisionale, la ricerca produttiva, gli esiti dei quali hanno profondamente segnato la nostra società e le nostre vite. Un designer, progettando un oggetto, condiziona la scena fisica ed emotiva di chi lo usa, così come l’industria non offre solo merci, ma distribuisce cultura o non cultura, attraverso le sue scelte di progettazione e produzione del prodotto. Il testo illustra, quindi, in cosa consista quest’attività creativa, quali ambiti comprenda, chi siano i suoi attori, quali competenze siano loro richieste. Ogni capitolo del libro tratta, in progressione logica, un argomento base, dalla definizione di industrial design alla differenza fra disegno e design, dal ruolo dell’invenzione al metodo di procedere di un designer, dai modi con i quali si può affrontare la lettura di un prodotto all’influenza del principio di unificazione, dall’importanza della conoscenza storica per progettare con maggior cognizione al significato culturale di ogni scelta progettuale. Nell’organizzazione dei temi si intende sottolineare come il design sia stato e sia un fattore cruciale di cambiamento culturale ed economico, come il suo impegno abbia avuto connotati etici verso l’uomo, l’ambiente, le diversità, e come il suo ruolo sia stato determinante per sottolineare i veri valori dell’esistenza.

Industrial design: latitudine e longitudine. Una prima lezione

TONELLI, MARIA CRISTINA
2008-01-01

Abstract

Il testo affronta la disciplina dell’industrial design per illustrarne la pratica professionale, il processo decisionale, la ricerca produttiva, gli esiti dei quali hanno profondamente segnato la nostra società e le nostre vite. Un designer, progettando un oggetto, condiziona la scena fisica ed emotiva di chi lo usa, così come l’industria non offre solo merci, ma distribuisce cultura o non cultura, attraverso le sue scelte di progettazione e produzione del prodotto. Il testo illustra, quindi, in cosa consista quest’attività creativa, quali ambiti comprenda, chi siano i suoi attori, quali competenze siano loro richieste. Ogni capitolo del libro tratta, in progressione logica, un argomento base, dalla definizione di industrial design alla differenza fra disegno e design, dal ruolo dell’invenzione al metodo di procedere di un designer, dai modi con i quali si può affrontare la lettura di un prodotto all’influenza del principio di unificazione, dall’importanza della conoscenza storica per progettare con maggior cognizione al significato culturale di ogni scelta progettuale. Nell’organizzazione dei temi si intende sottolineare come il design sia stato e sia un fattore cruciale di cambiamento culturale ed economico, come il suo impegno abbia avuto connotati etici verso l’uomo, l’ambiente, le diversità, e come il suo ruolo sia stato determinante per sottolineare i veri valori dell’esistenza.
Firenze University Press
9788884538246
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11311/505280
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact