Oggetto di questo volume sono le vicende e le opere dei protagonisti della prima parte del Novecento, aventi per denominatore comune il tentativo di costruzione di un mondo “moderno”. Ma esso cerca di individuare anche le “cause lontane” dell’architettura contemporanea. Partendo dalla seconda metà del Settecento, e passando per l’Ottocento, vengono così messe in luce alcune delle “radici storiche” su cui essa si fonda.

Storia dell'architettura contemporanea I 1750-1945

BIRAGHI, MARCO STEFANO
2008

Abstract

Oggetto di questo volume sono le vicende e le opere dei protagonisti della prima parte del Novecento, aventi per denominatore comune il tentativo di costruzione di un mondo “moderno”. Ma esso cerca di individuare anche le “cause lontane” dell’architettura contemporanea. Partendo dalla seconda metà del Settecento, e passando per l’Ottocento, vengono così messe in luce alcune delle “radici storiche” su cui essa si fonda.
Einaudi
9788806186975
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Biraghi-Storia dell'arch. I-2.pdf

Accesso riservato

: Altro materiale allegato
Dimensione 6.42 MB
Formato Adobe PDF
6.42 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Biraghi-Storia dell'arch. I-1.pdf

Accesso riservato

: Altro materiale allegato
Dimensione 119.42 kB
Formato Adobe PDF
119.42 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Biraghi-Storia dell'arch. I-3.pdf

Accesso riservato

: Altro materiale allegato
Dimensione 77.29 kB
Formato Adobe PDF
77.29 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Biraghi-Storia dell'arch. I-4.pdf

Accesso riservato

: Altro materiale allegato
Dimensione 96.95 kB
Formato Adobe PDF
96.95 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11311/504363
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact