Architettura per la celebrazione o per la mistagogia?