Il monumento-luogo tra contemplazione e narrazione