Tra rigore e clemenza: la misura della giustizia