Si assume di partire dai nodi – i luoghi dove le infrastrutture si innestano nel sistema insediativo - per una lettura interpretativa e progettuale della metropoli: si riconoscono tali contesti come strategici affinchè gli investimenti infrastrutturali non si traducano in impatti da mitigare ma in vantaggi competitivi e fattori di riqualificazione. La ricerca si basa su un approccio metodologico che integra in modo innovativo settori tradizionalmente separati sia nella disciplina sia nella pratica: le reti di trasporto con le reti dell’energia e delle telecomunicazioni, e tali reti con le aree di trasformazione (sia sviluppi immobiliari sia rigenerazioni ambientali e nuovi parchi). L’interazione, spesso il conflitto, fra la scala globale e quella locale, che caratterizza i contesti dei nodi nella dimensione dello spazio e in quella del tempo, esigono un approccio multiscalare che alterni la visione dall’alto allo sguardo del cittadino/utente. Individuati i nodi appartenenti a reti transeuropee (TEN) nell’area metropolitana milanese, la ricerca ne interpreta progettualmente gli ambiti: non definiti a priori, i contesti dei nodi emergono con geografia variabile sulla base di logiche sia di pianificazione sia di progettazione urbana e di governance. Dopo avere studiato le potenzialità ecosistemiche e le criticità dei nodi, si analizza, in una prospettiva di sostenibilità dello sviluppo, il rapporto dei nodi con le aree in trasformazione, l’accessibilità ai principali attrattori pubblici e il sistema logistico-produttivo delle merci. Tali interpretazioni sono tese all’obiettivo della ricerca, l’elaborazione di linee guida per la riabilitazione dei contesti urbani dei nodi delle reti transeuropee. Questi criteri metaprogettuali vengono sviluppati a partire dai potenziamenti dei nodi inseriti in programmi istituzionali. Sono presentati con maggiore specificazione per il nodo di Nord/Ovest, il carattere strategico del quale è sempre stato riconfermato dalla storia evolutiva della metropoli.

Un atlante per Milano. Riqualificare i contesti urbani di nodi infrastrutturali / An Atlas for Milan. Renewing the Urban Contexts of Infrastructure Nodes

FOSSA, GIOVANNA
2006

Abstract

Si assume di partire dai nodi – i luoghi dove le infrastrutture si innestano nel sistema insediativo - per una lettura interpretativa e progettuale della metropoli: si riconoscono tali contesti come strategici affinchè gli investimenti infrastrutturali non si traducano in impatti da mitigare ma in vantaggi competitivi e fattori di riqualificazione. La ricerca si basa su un approccio metodologico che integra in modo innovativo settori tradizionalmente separati sia nella disciplina sia nella pratica: le reti di trasporto con le reti dell’energia e delle telecomunicazioni, e tali reti con le aree di trasformazione (sia sviluppi immobiliari sia rigenerazioni ambientali e nuovi parchi). L’interazione, spesso il conflitto, fra la scala globale e quella locale, che caratterizza i contesti dei nodi nella dimensione dello spazio e in quella del tempo, esigono un approccio multiscalare che alterni la visione dall’alto allo sguardo del cittadino/utente. Individuati i nodi appartenenti a reti transeuropee (TEN) nell’area metropolitana milanese, la ricerca ne interpreta progettualmente gli ambiti: non definiti a priori, i contesti dei nodi emergono con geografia variabile sulla base di logiche sia di pianificazione sia di progettazione urbana e di governance. Dopo avere studiato le potenzialità ecosistemiche e le criticità dei nodi, si analizza, in una prospettiva di sostenibilità dello sviluppo, il rapporto dei nodi con le aree in trasformazione, l’accessibilità ai principali attrattori pubblici e il sistema logistico-produttivo delle merci. Tali interpretazioni sono tese all’obiettivo della ricerca, l’elaborazione di linee guida per la riabilitazione dei contesti urbani dei nodi delle reti transeuropee. Questi criteri metaprogettuali vengono sviluppati a partire dai potenziamenti dei nodi inseriti in programmi istituzionali. Sono presentati con maggiore specificazione per il nodo di Nord/Ovest, il carattere strategico del quale è sempre stato riconfermato dalla storia evolutiva della metropoli.
SKIRA
8876247645
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Fossa_Atlante2.pdf

Accesso riservato

: Post-Print (DRAFT o Author’s Accepted Manuscript-AAM)
Dimensione 5.37 MB
Formato Adobe PDF
5.37 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri
Fossa_Atlante1.pdf

Accesso riservato

: Post-Print (DRAFT o Author’s Accepted Manuscript-AAM)
Dimensione 5.2 MB
Formato Adobe PDF
5.2 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11311/241242
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact