La Commissione d'Ornato a Milano, tra ortodossia classicista e cultura prospettica