Vent’anni dopo: per un ritorno alla costruzione di scenari