La rappresentazione della figura femminile nelle costruzioni narrative risponde frequentemente a logiche stereotipiche introiettate, partendo da questa evidenza la ricerca intende sviluppare strumenti e metodi per favorire la capacità autoriflessiva del designer impegnato nella produzione del flusso di immagini e di oggetti-immagine che definiscono il nostro quotidiano. Il lavoro compiuto, che si sviluppa intorno allo schema del circolo vizioso dello stereotipo, ha al proprio centro la strutturazione di azioni che mantengono in connessione ricerca e didattica, azioni concepite all’interno di un quadro istituzionale, che agiscono in modo sinergico e che hanno dato luogo a un sistema di conoscenza perimetrato dal Design della comunicazione e dalle Culture di genere. In particolare viene presentato l’impianto sperimentale di un corso rivolto agli studenti della Scuola del Design del Politecnico di Milano che nasce con l’obiettivo di rafforzare nei designer in formazione la consapevolezza sulle tematiche di genere a partire dalla prospettiva del design della comunicazione, affrontando, con un approccio didattico multimodale (blended learning), attività mirate a incrementare le capacità critiche e il governo di strumenti che favoriscano processi decostruttivi e processi progettuali responsabili.

Responsabilità progettuali e uguaglianza di genere: il ruolo del design della comunicazione

Valeria Bucchetti
2020

Abstract

La rappresentazione della figura femminile nelle costruzioni narrative risponde frequentemente a logiche stereotipiche introiettate, partendo da questa evidenza la ricerca intende sviluppare strumenti e metodi per favorire la capacità autoriflessiva del designer impegnato nella produzione del flusso di immagini e di oggetti-immagine che definiscono il nostro quotidiano. Il lavoro compiuto, che si sviluppa intorno allo schema del circolo vizioso dello stereotipo, ha al proprio centro la strutturazione di azioni che mantengono in connessione ricerca e didattica, azioni concepite all’interno di un quadro istituzionale, che agiscono in modo sinergico e che hanno dato luogo a un sistema di conoscenza perimetrato dal Design della comunicazione e dalle Culture di genere. In particolare viene presentato l’impianto sperimentale di un corso rivolto agli studenti della Scuola del Design del Politecnico di Milano che nasce con l’obiettivo di rafforzare nei designer in formazione la consapevolezza sulle tematiche di genere a partire dalla prospettiva del design della comunicazione, affrontando, con un approccio didattico multimodale (blended learning), attività mirate a incrementare le capacità critiche e il governo di strumenti che favoriscano processi decostruttivi e processi progettuali responsabili.
100 anni dal Bauhaus. Le prospettive della ricerca di design
9788-89-43380-2-7
Design della comunicazione, genere, mediatizzazione, visual criticism, belnded learning
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
2020_100AnniDalBauhaus_LeProspettiveDellaRicercaInDesign.pdf

accesso aperto

: Publisher’s version
Dimensione 1.16 MB
Formato Adobe PDF
1.16 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11311/1159806
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact