Se ripercorriamo la storia del pensiero, della progettazione e della costruzione riferiti al paesaggio, ci troviamo a seguire i fili di un complesso sistema di rimandi nello spazio e nel tempo: idee, modelli spaziali, figure e immagini riemergono a distanza di chilometri e a distanza di secoli, per effetto di contaminazioni involontarie o di traduzioni volontarie. Le idee di natura sono, in questo magma, tra gli elementi maggiormente ricorrenti con continuità, discontinuità, ricorsi e mutazioni che mettono in discussione ogni possibile narrazione lineare ed evoluzionistica della loro genesi, affermazione, diffusione, trasformazione e declino. Oggi la Natura (singolare con l’iniziale maiuscola), intesa come a-priori rispetto alla quale la Cultura e l’Architettura (sempre singolari con l’iniziale maiuscola) dovrebbero istituire relazioni dialettiche entro una coppia oppositiva, è sostituita da un insieme di idee e rappresentazioni plurali delle quali è possibile e necessario indagare l’origine e la posizione in relazione a contesti determinati: luoghi fisici, strutture sociali, sistemi culturali, organizzazioni economiche…. Idee e rappresentazioni che possono essere guardate come vere e proprie invenzioni nel senso che Eric Hobsbawm ha delineato in ambito storico nel suo lavoro sulla tradizione

L'invenzione della natura

Sara Protasoni
2020

Abstract

Se ripercorriamo la storia del pensiero, della progettazione e della costruzione riferiti al paesaggio, ci troviamo a seguire i fili di un complesso sistema di rimandi nello spazio e nel tempo: idee, modelli spaziali, figure e immagini riemergono a distanza di chilometri e a distanza di secoli, per effetto di contaminazioni involontarie o di traduzioni volontarie. Le idee di natura sono, in questo magma, tra gli elementi maggiormente ricorrenti con continuità, discontinuità, ricorsi e mutazioni che mettono in discussione ogni possibile narrazione lineare ed evoluzionistica della loro genesi, affermazione, diffusione, trasformazione e declino. Oggi la Natura (singolare con l’iniziale maiuscola), intesa come a-priori rispetto alla quale la Cultura e l’Architettura (sempre singolari con l’iniziale maiuscola) dovrebbero istituire relazioni dialettiche entro una coppia oppositiva, è sostituita da un insieme di idee e rappresentazioni plurali delle quali è possibile e necessario indagare l’origine e la posizione in relazione a contesti determinati: luoghi fisici, strutture sociali, sistemi culturali, organizzazioni economiche…. Idee e rappresentazioni che possono essere guardate come vere e proprie invenzioni nel senso che Eric Hobsbawm ha delineato in ambito storico nel suo lavoro sulla tradizione
Cinque temi del ‘modernocontemporaneo’. Memoria, natura, energia, comunicazione, catastrofe
978-88-229-0397-6
Natura paesaggio filosofia biodiversità sostenibilità
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Protasoni_Invenzionedellanatura.pdf

Accesso riservato

Descrizione: PDF saggio
: Publisher’s version
Dimensione 2.71 MB
Formato Adobe PDF
2.71 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11311/1157573
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact