Il Monte ha un nucleo caratterizzato da 7 edifici impiantati lungo una strada centrale, che definisce due insiemi principali (Nord e Sud). Il complesso del Nord, con una superficie di 4.144 m², è composto da 2 edifici: il vecchio edificio industriale e officinale e il magazzino per gli attrezzi agricoli. Il complesso Sud è composto da 5 edifici: la casa principale, i padiglioni agricoli, la colombaia, il canile e il porcile, con una superficie di 3.810 m². Più a sud, l'orto comprende 20.333 m², tra cui la vecchia casa del custode di orti, con una superficie di 34 m², e la piscina all'aperto che tiene saldamente un affioramento di granito (barrocal). "La prima cosa che mi ha colpito non appena sono arrivato è stata l'atmosfera di questa proprietà, che è difficile da trovare. Tutti sanno che l'Alentejo è molto bello, ma non mi aspettavo di avere un patrimonio preistorico come questo. Poi c'erano altri due fattori che erano anche una sorpresa per quanto riguardava le opinioni. Ciò che è insolito in Alentejo è avere acqua ai margini della proprietà - la famosa diga di Alqueva e le vedute di Monsaraz che è incantevole dall'esterno. La seconda domanda era la natura urbana di questo monte. Questa non è solo una casa. Questo è veramente un mini-universo, un villaggio. Ha una sua gerarchia: una strada, una piazza, annessi, chiostri. Questo è ciò che raramente troviamo in condizioni così buone. Vedo le cose non per il loro valore in quanto tale ma sempre dal punto di vista di come gestirle. Cioè, cosa dovrei fare qui? Tutti sanno che ogni sviluppo storico è unico e Barrocal è un progetto difficile ma molto interessante perché stiamo lavorando sul filo del rasoio. Se andiamo troppo lontano, lo rovineremo e se non faremo abbastanza non funzionerà. La domanda principale qui è partire da una posizione che è teoricamente molto interessante ma in realtà molto pericolosa nella pratica - ma è l'unico modo. L'unico modo per preservare il patrimonio è di conviverci e usarlo, anche se in alcuni punti è danneggiato. Perché solo la vita di tutti i giorni lo trasforma in qualcosa di naturale e gli conferisce uno status di eredità. Ciò che è affascinante qui è il cambiamento nell'uso. Un edificio potrebbe essere creato per uno scopo particolare e quindi evolvere per soddisfare esigenze diverse e contemporanee. C'è un processo molto coinvolgente che scopre come un frantoio, ad esempio, può diventare un luogo per un salotto con un bar, come gli annessi agricoli possono essere trasformati in case e come una stalla può essere trasformata in un ristorante. Questo cambiamento di utilizzo non richiede quasi alcun intervento. La sfida è come l'architettura rispetterà. Penso che la prima impressione della gente sarà che si sentano a casa qui, anche se sono venuti solo per rilassarsi. Uno sta per leggere, un altro sta per scrivere una tesi, un altro è qui per una vacanza. Le persone si incontreranno e andranno a comprare il pane o il giornale o usciranno per cena. Si incontreranno e dopo pochi giorni ci sarà una connessione. Penso che sia importante formare un tipo di comunità. Ma una comunità fugace, perché è così che è progettata. Tranne che le persone saranno cambiate. Non saranno più i lavoratori, saranno queste persone attirate da molto oltre il monte". Programma: Alloggio e servizi; Unità di alloggio (22 camere, 2 suite, 16 cottage): 4.615 m²; Spa e studio: 575 m²; Ristorante con terrazze all'aperto: 599, 5 m²; Bar: 102 m²; Cantina: 521 m²; Negozio con cortile: 194, 50 m²; Scuderia e maneggio: 1.060 m²; Piscina per adulti all'aperto: 240 m²; Piscina per bambini: 21, 50 m²; Sala giochi per bambini con cortile: 153 m². La Giuria della XVI Biennale di Venezia, in cui sono state esposte le due fotografie aeree che ritraggono il progetto realizzato nel paesaggio alentejano, ha conferito il Leon d'Oro a E. Souto de Moura (Souto Moura-Arquitectos - Porto, Portogallo) come miglior partecipante alla XVI Mostra Freespace "per la precisione nell’accostare due fotografie aeree, rivelando il rapporto essenziale tra l’architettura, il tempo e il luogo. Lo “spazio libero” appare senza essere annunciato, con chiarezza e semplicità".

COMPLESSO TURISTICO SAO LOURENçO DO BARROCAL - MONSARAZ, PORTOGALLO

Souto de Moura
2016-01-01

Abstract

Il Monte ha un nucleo caratterizzato da 7 edifici impiantati lungo una strada centrale, che definisce due insiemi principali (Nord e Sud). Il complesso del Nord, con una superficie di 4.144 m², è composto da 2 edifici: il vecchio edificio industriale e officinale e il magazzino per gli attrezzi agricoli. Il complesso Sud è composto da 5 edifici: la casa principale, i padiglioni agricoli, la colombaia, il canile e il porcile, con una superficie di 3.810 m². Più a sud, l'orto comprende 20.333 m², tra cui la vecchia casa del custode di orti, con una superficie di 34 m², e la piscina all'aperto che tiene saldamente un affioramento di granito (barrocal). "La prima cosa che mi ha colpito non appena sono arrivato è stata l'atmosfera di questa proprietà, che è difficile da trovare. Tutti sanno che l'Alentejo è molto bello, ma non mi aspettavo di avere un patrimonio preistorico come questo. Poi c'erano altri due fattori che erano anche una sorpresa per quanto riguardava le opinioni. Ciò che è insolito in Alentejo è avere acqua ai margini della proprietà - la famosa diga di Alqueva e le vedute di Monsaraz che è incantevole dall'esterno. La seconda domanda era la natura urbana di questo monte. Questa non è solo una casa. Questo è veramente un mini-universo, un villaggio. Ha una sua gerarchia: una strada, una piazza, annessi, chiostri. Questo è ciò che raramente troviamo in condizioni così buone. Vedo le cose non per il loro valore in quanto tale ma sempre dal punto di vista di come gestirle. Cioè, cosa dovrei fare qui? Tutti sanno che ogni sviluppo storico è unico e Barrocal è un progetto difficile ma molto interessante perché stiamo lavorando sul filo del rasoio. Se andiamo troppo lontano, lo rovineremo e se non faremo abbastanza non funzionerà. La domanda principale qui è partire da una posizione che è teoricamente molto interessante ma in realtà molto pericolosa nella pratica - ma è l'unico modo. L'unico modo per preservare il patrimonio è di conviverci e usarlo, anche se in alcuni punti è danneggiato. Perché solo la vita di tutti i giorni lo trasforma in qualcosa di naturale e gli conferisce uno status di eredità. Ciò che è affascinante qui è il cambiamento nell'uso. Un edificio potrebbe essere creato per uno scopo particolare e quindi evolvere per soddisfare esigenze diverse e contemporanee. C'è un processo molto coinvolgente che scopre come un frantoio, ad esempio, può diventare un luogo per un salotto con un bar, come gli annessi agricoli possono essere trasformati in case e come una stalla può essere trasformata in un ristorante. Questo cambiamento di utilizzo non richiede quasi alcun intervento. La sfida è come l'architettura rispetterà. Penso che la prima impressione della gente sarà che si sentano a casa qui, anche se sono venuti solo per rilassarsi. Uno sta per leggere, un altro sta per scrivere una tesi, un altro è qui per una vacanza. Le persone si incontreranno e andranno a comprare il pane o il giornale o usciranno per cena. Si incontreranno e dopo pochi giorni ci sarà una connessione. Penso che sia importante formare un tipo di comunità. Ma una comunità fugace, perché è così che è progettata. Tranne che le persone saranno cambiate. Non saranno più i lavoratori, saranno queste persone attirate da molto oltre il monte". Programma: Alloggio e servizi; Unità di alloggio (22 camere, 2 suite, 16 cottage): 4.615 m²; Spa e studio: 575 m²; Ristorante con terrazze all'aperto: 599, 5 m²; Bar: 102 m²; Cantina: 521 m²; Negozio con cortile: 194, 50 m²; Scuderia e maneggio: 1.060 m²; Piscina per adulti all'aperto: 240 m²; Piscina per bambini: 21, 50 m²; Sala giochi per bambini con cortile: 153 m². La Giuria della XVI Biennale di Venezia, in cui sono state esposte le due fotografie aeree che ritraggono il progetto realizzato nel paesaggio alentejano, ha conferito il Leon d'Oro a E. Souto de Moura (Souto Moura-Arquitectos - Porto, Portogallo) come miglior partecipante alla XVI Mostra Freespace "per la precisione nell’accostare due fotografie aeree, rivelando il rapporto essenziale tra l’architettura, il tempo e il luogo. Lo “spazio libero” appare senza essere annunciato, con chiarezza e semplicità".
9789895462063
Eduardo Souto de Moura, Riconversione edilizia, Monumento, Storia
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
2020_ESDM_Learnig_Designing.pdf

Accesso riservato

Descrizione: libro
: Publisher’s version
Dimensione 1.8 MB
Formato Adobe PDF
1.8 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri
a+u architecture and urbanism_582_BARROCAL.pdf

Accesso riservato

Descrizione: PDFA+U Architecture and Urbanism 582
: Publisher’s version
Dimensione 5.04 MB
Formato Adobe PDF
5.04 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri
SAO LOURENçO DO BARROCAL_BIENNALE 2018 VENEZIA_LEON D'ORO.pdf

Accesso riservato

Descrizione: PDF Fotografie Biennale Venzia
: Altro materiale allegato
Dimensione 106.44 kB
Formato Adobe PDF
106.44 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11311/1157038
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact