L’importanza dei dati e della loro interpretazione sta pervadendo la vita delle organizzazioni produttive che tendono all’innovazione. Esiste un ampio dibattito sulla formazione dei data scientist; meno attenzione invece si sta ponendo nella formazione delle discipline legate alla creatività e al Design. A cosa servono i big data nei processi creativi? E l'intelligenza artificiale? Il saggio propone un quadro di integrazione critica di talune skill – oggi appannaggio esclusivo dei data scientist – nei curricula dei designer moderni.

il designer di domani tra soft skill e hard skill

C. Cautela
2020

Abstract

L’importanza dei dati e della loro interpretazione sta pervadendo la vita delle organizzazioni produttive che tendono all’innovazione. Esiste un ampio dibattito sulla formazione dei data scientist; meno attenzione invece si sta ponendo nella formazione delle discipline legate alla creatività e al Design. A cosa servono i big data nei processi creativi? E l'intelligenza artificiale? Il saggio propone un quadro di integrazione critica di talune skill – oggi appannaggio esclusivo dei data scientist – nei curricula dei designer moderni.
Insegnare/orientare/fare design
SERIE DI ARCHITETTURA E DESIGN
9788835104506
Data science, Data Driven Design, soft skill, hard skill
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Capitolo mio_Franco Angeli_2020.pdf

accesso aperto

Descrizione: capitolo tu testo open access
: Publisher’s version
Dimensione 1.63 MB
Formato Adobe PDF
1.63 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11311/1155721
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact