Nella ricostruzione degli eventi connessi alla tutela di quello che oggi chiamiamo patrimonio paesaggistico, il primo decennio del dopoguerra è sempre apparso come un momento di transizione. Apparentemente poco significativo rispetto ai dieci anni successivi, che si concluderanno a metà anni Sessanta con le ricadute gravi e irrimediabili del boom economico italiano. Eppure, è proprio negli anni Cinquanta che matura la consapevolezza di quanto sta avvenendo e si forma una nuova coscienza intorno a un paesaggio che si sente perduto. Sono anni di maturazione delle attese e di verifica delle aspettative create dalla legge di tutela delle bellezze naturali emanata pochi anni prima. Sono anche anni di lotta, in cui una crescente e precisa cognizione dell’impotenza legislativa si accompagna al sentimento di dover provare a fare qualcosa, di schierarsi per difendere il bene comune attaccato da interessi individualistici e passeggeri, di essere nuovamente partigiani in un’Italia noncurante della propria bellezza. È una resistenza culturale che cerca di sostenere una coscienza collettiva del valore del paesaggio nel tessuto sociale della Nazione. Armando Dillon, Soprintendente ai monumenti della Liguria dal 1955 al 1964, è uno dei protagonisti di quella storia, che racconta il tentativo di garantire un futuro al paesaggio italiano. Il volume racconta quanto accadde in Liguria sotto la sua soprintendenza in quegli anni.

La coscienza del paesaggio. Armando Dillon e la tutela in Liguria

Canziani, Andrea
2020

Abstract

Nella ricostruzione degli eventi connessi alla tutela di quello che oggi chiamiamo patrimonio paesaggistico, il primo decennio del dopoguerra è sempre apparso come un momento di transizione. Apparentemente poco significativo rispetto ai dieci anni successivi, che si concluderanno a metà anni Sessanta con le ricadute gravi e irrimediabili del boom economico italiano. Eppure, è proprio negli anni Cinquanta che matura la consapevolezza di quanto sta avvenendo e si forma una nuova coscienza intorno a un paesaggio che si sente perduto. Sono anni di maturazione delle attese e di verifica delle aspettative create dalla legge di tutela delle bellezze naturali emanata pochi anni prima. Sono anche anni di lotta, in cui una crescente e precisa cognizione dell’impotenza legislativa si accompagna al sentimento di dover provare a fare qualcosa, di schierarsi per difendere il bene comune attaccato da interessi individualistici e passeggeri, di essere nuovamente partigiani in un’Italia noncurante della propria bellezza. È una resistenza culturale che cerca di sostenere una coscienza collettiva del valore del paesaggio nel tessuto sociale della Nazione. Armando Dillon, Soprintendente ai monumenti della Liguria dal 1955 al 1964, è uno dei protagonisti di quella storia, che racconta il tentativo di garantire un futuro al paesaggio italiano. Il volume racconta quanto accadde in Liguria sotto la sua soprintendenza in quegli anni.
SUSTAINABLE HERITAGE
Mimesis
9788857569277
paesaggio - tutela, Liguria, soprintendenza, bellezze naturali, speculazione edilizia, Armando Dillon, turismo
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
sh-canziani-coscienza-paesaggio.pdf

accesso aperto

Descrizione: Copertina
: Publisher’s version
Dimensione 1.89 MB
Formato Adobe PDF
1.89 MB Adobe PDF Visualizza/Apri
Canziani La coscienza del paesaggio ST_full text compressed.pdf

Accesso riservato

: Publisher’s version
Dimensione 3.15 MB
Formato Adobe PDF
3.15 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11311/1150527
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact