Il capitolo si occupa delle dimensioni spaziali della mobilità elettrica e della loro rilevanza nel condizionare la transizione verso l’elettromobilità, sostenendo l'importanza di considerare le condizioni contestuali per definire politiche a sostegno di una diffusione equa ed efficiente dell’uso di veicoli elettrici. Lavorare sulle condizioni contestuali in riferimento alla profilazione sia dei contesti che dei potenziali utenti, fornisce una prospettiva alternativa rispetto ad un approccio orientato al mercato e alla domanda che identifica la maggiore propensione all'uso e / o all'acquisto di un veicolo elettrico principalmente sulla base dei principali predittori di assorbimento di veicoli elettrici (quindi densità insediative, elevati livelli di reddito e di istruzione, proprietà della casa). Ponendosi criticamente rispetto a una tendenza che riconosce nelle aree urbane i contesti che meglio si prestano a una transizione verso l’elettrico, il capitolo propone quattro scenari per descrivere diverse modalità di diffusione dei veicoli elettrici nella Regione Urbana Milanese, con la finalità di comprendere in quali ambiti l’introduzione dei veicoli elettrici contribuirebbe maggiormente al raggiungimento di obiettivi di sostenibilità e di equità in termini di accesso alle opportunità e ai servizi di un territorio; quali politiche pubbliche di incentivo e di regolazione siano utili a promuovere e sostenere la diffusione della mobilità elettrica e a contenere possibili esternalità negative e come integrare la mobilità elettrica e la sua infrastrutturazione nei diversi ambiti insediativi.

Scenari per una diffusione efficiente ed equa dei veicoli elettrici nella Regione Urbana Milanese

Paola Pucci
2020

Abstract

Il capitolo si occupa delle dimensioni spaziali della mobilità elettrica e della loro rilevanza nel condizionare la transizione verso l’elettromobilità, sostenendo l'importanza di considerare le condizioni contestuali per definire politiche a sostegno di una diffusione equa ed efficiente dell’uso di veicoli elettrici. Lavorare sulle condizioni contestuali in riferimento alla profilazione sia dei contesti che dei potenziali utenti, fornisce una prospettiva alternativa rispetto ad un approccio orientato al mercato e alla domanda che identifica la maggiore propensione all'uso e / o all'acquisto di un veicolo elettrico principalmente sulla base dei principali predittori di assorbimento di veicoli elettrici (quindi densità insediative, elevati livelli di reddito e di istruzione, proprietà della casa). Ponendosi criticamente rispetto a una tendenza che riconosce nelle aree urbane i contesti che meglio si prestano a una transizione verso l’elettrico, il capitolo propone quattro scenari per descrivere diverse modalità di diffusione dei veicoli elettrici nella Regione Urbana Milanese, con la finalità di comprendere in quali ambiti l’introduzione dei veicoli elettrici contribuirebbe maggiormente al raggiungimento di obiettivi di sostenibilità e di equità in termini di accesso alle opportunità e ai servizi di un territorio; quali politiche pubbliche di incentivo e di regolazione siano utili a promuovere e sostenere la diffusione della mobilità elettrica e a contenere possibili esternalità negative e come integrare la mobilità elettrica e la sua infrastrutturazione nei diversi ambiti insediativi.
Infrastrutture e città. Innovazione, coesione sociale e digitalizzazione
9788899612924
mobilità elettrica; transizione; impatti spaziali; analisi multicriteri; Regione urbana milanese
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Brioschi_Infrastrutture-e-citta_PUCCI.pdf

Accesso riservato

Descrizione: pdf
: Publisher’s version
Dimensione 1.78 MB
Formato Adobe PDF
1.78 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11311/1149387
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact