l testo esplora il tema dell’accessibilità degli spazi extra-ordinari in cui la temporaneità dell’allestimento e l’attività creativa del progettista possono essere interpretati come un palcoscenico, una piattaforma di sperimentazione per un insieme di soluzioni che condu-cano a migliorare l’accessibilità e la fruibilità degli spazi. La costruzione di un progetto di ricerca che attraverso la formazione di un network potesse offrire diversi punti di vista e potenzialità di azione, ha rappresentato anche un’opportunità sperimentativa dal punto di vista didattico. Attraverso un approccio innova-tivo di learning by doing gli studenti hanno incrementato la conoscenza sul tema, e in particolare la consapevolezza del rapporto tra il proprio corpo e lo spazio. Il progetto, intitolato Scivola è nato da un’idea di Kindi, insieme a Ciclica, al Politecnico di Milano, all’associazione Rotellando, all’associazione Tortona Savona e co-finanziato dalla Fondazione Cariplo, è stato articolato attraverso un repertorio di esperienze, strumenti e artefatti comunicativi che, messi a sistema, potessero introdurre un approccio diverso al tema, ponendosi non come soluzione al problema dell’accessibilità degli spazi per eventi temporanei, ma come stimolo e sensibilizzazione. L’obiettivo sotteso al progetto è stata l’introduzione di una sensibilità e di un approccio alla progettazione che trasformasse l’attenzione all’accessibilità da vincolo in opportunità creativa di sperimentazione.

L’ACCESSIBILITÀ DEI LUOGHI PER EVENTI. UN APPROCCIO INCREMENTALE DI RICERCA E SPERIMENTAZIONE

B. Camocini;G. Gerosa;F. Scullica
2019

Abstract

l testo esplora il tema dell’accessibilità degli spazi extra-ordinari in cui la temporaneità dell’allestimento e l’attività creativa del progettista possono essere interpretati come un palcoscenico, una piattaforma di sperimentazione per un insieme di soluzioni che condu-cano a migliorare l’accessibilità e la fruibilità degli spazi. La costruzione di un progetto di ricerca che attraverso la formazione di un network potesse offrire diversi punti di vista e potenzialità di azione, ha rappresentato anche un’opportunità sperimentativa dal punto di vista didattico. Attraverso un approccio innova-tivo di learning by doing gli studenti hanno incrementato la conoscenza sul tema, e in particolare la consapevolezza del rapporto tra il proprio corpo e lo spazio. Il progetto, intitolato Scivola è nato da un’idea di Kindi, insieme a Ciclica, al Politecnico di Milano, all’associazione Rotellando, all’associazione Tortona Savona e co-finanziato dalla Fondazione Cariplo, è stato articolato attraverso un repertorio di esperienze, strumenti e artefatti comunicativi che, messi a sistema, potessero introdurre un approccio diverso al tema, ponendosi non come soluzione al problema dell’accessibilità degli spazi per eventi temporanei, ma come stimolo e sensibilizzazione. L’obiettivo sotteso al progetto è stata l’introduzione di una sensibilità e di un approccio alla progettazione che trasformasse l’attenzione all’accessibilità da vincolo in opportunità creativa di sperimentazione.
Maggioli Editore
978-88-916-3599-0
accessibilità, design for all, eventi, temporaneità, performance
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
916.35990_e-book_ AAVV_AccessibilitÃ%uFFFD %uFFFD dei luoghi per eventi.pdf

accesso aperto

Descrizione: Pubblicazione
: Publisher’s version
Dimensione 7.78 MB
Formato Adobe PDF
7.78 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11311/1125941
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact