Il testo elabora, attraverso la disamina della figura di Anna Mangiarotti, la visione dell'opera architettonica nella forma dell'"attualità assoluta" quale combinazione tra i "fini" (intesi come gli obiettivi e le funzioni) e i "mezzi" (intesi come i disposti formali e tecnico-costruttivi), unitamente all'analisi della prassi secondo la traduzione verso la "poetica costruttiva". Lo studio si concentra sulla Tecnologia dell’architettura quale ambito del sapere di carattere ermeneutico, filosofico e antropologico, con particolare attenzione all'impostazione del progetto di architettura diretto al sapere pratico e strumentale e al "fare tecnico" all'interno dello sviluppo progettuale. La trattazione si focalizza sulla composizione di insieme del progetto insieme alla risoluzione costruttiva, secondo la rilevazione (o, meglio, la "rivelazione") istantanea della fattura fisica, sensibile, materica e connettiva delle parti dell'opera. Inoltre, il testo affronta i criteri di razionalizzazione del tema progettuale, fondata sulla concretezza derivante dalla compiuta e costante conoscenza della realtà produttiva, e, quindi, definita dalla "regolarizzazione" geometrica, dal "governo" delle istanze esecutive e dal raggiungimento dell'obiettivo morfo-tipologico attraverso l'inclusione, espressiva e fattiva, dell'ordinamento dettato dalla chiara articolazione per sistemi costruttivi, per componenti e per elementi tecnici.

Le lezioni di progettazione esecutiva. Insieme ad Anna Mangiarotti (1994-2004)

Massimiliano Nastri
2019

Abstract

Il testo elabora, attraverso la disamina della figura di Anna Mangiarotti, la visione dell'opera architettonica nella forma dell'"attualità assoluta" quale combinazione tra i "fini" (intesi come gli obiettivi e le funzioni) e i "mezzi" (intesi come i disposti formali e tecnico-costruttivi), unitamente all'analisi della prassi secondo la traduzione verso la "poetica costruttiva". Lo studio si concentra sulla Tecnologia dell’architettura quale ambito del sapere di carattere ermeneutico, filosofico e antropologico, con particolare attenzione all'impostazione del progetto di architettura diretto al sapere pratico e strumentale e al "fare tecnico" all'interno dello sviluppo progettuale. La trattazione si focalizza sulla composizione di insieme del progetto insieme alla risoluzione costruttiva, secondo la rilevazione (o, meglio, la "rivelazione") istantanea della fattura fisica, sensibile, materica e connettiva delle parti dell'opera. Inoltre, il testo affronta i criteri di razionalizzazione del tema progettuale, fondata sulla concretezza derivante dalla compiuta e costante conoscenza della realtà produttiva, e, quindi, definita dalla "regolarizzazione" geometrica, dal "governo" delle istanze esecutive e dal raggiungimento dell'obiettivo morfo-tipologico attraverso l'inclusione, espressiva e fattiva, dell'ordinamento dettato dalla chiara articolazione per sistemi costruttivi, per componenti e per elementi tecnici.
La cultura tecnologica e il progetto. Un ricordo di Anna Mangiarotti
9788836637904
Tecnologia dell'architettura. Progettazione esecutiva dell'architettura
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Nastri - Le lezioni di progettazione esecutiva - 2019.pdf

accesso aperto

Dimensione 6.73 MB
Formato Adobe PDF
6.73 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11311/1125294
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact