Intervista a Ippolito Pestellini Laparelli, Partner di OMA, creative mediator e curatore di Manifesta12 Palermo, Il Giardino Planetario. Coltivare la Coesistenza. Il numero monografico della rivista - Incompiute città di Palermo / Unfinished Cities of Palermo - è curato da Marcella Aprile e Giuseppe Di Benedetto. L'intervista indaga i termini curatoriali della dodicesima edizione di Manifesta, la biennale europea nomade d'arte contemporanea, tenutasi a Palermo nel 2018 e le relazioni tra architettura, arte e città che la manifestazione ha saputo e voluto mettere in evidenza. Particolare attenzione è rivolta all'occupazione sottile di luoghi ritrovati proprio grazie a Manifesta12 Palermo.

Alfabeti palermitani / Palermo alphabets

F. Belloni;I. Pestellini Laparelli
2019

Abstract

Intervista a Ippolito Pestellini Laparelli, Partner di OMA, creative mediator e curatore di Manifesta12 Palermo, Il Giardino Planetario. Coltivare la Coesistenza. Il numero monografico della rivista - Incompiute città di Palermo / Unfinished Cities of Palermo - è curato da Marcella Aprile e Giuseppe Di Benedetto. L'intervista indaga i termini curatoriali della dodicesima edizione di Manifesta, la biennale europea nomade d'arte contemporanea, tenutasi a Palermo nel 2018 e le relazioni tra architettura, arte e città che la manifestazione ha saputo e voluto mettere in evidenza. Particolare attenzione è rivolta all'occupazione sottile di luoghi ritrovati proprio grazie a Manifesta12 Palermo.
rapporto arte/architettura
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
F. Belloni Alfabeti palermitani 2019.pdf

accesso aperto

: Publisher’s version
Dimensione 7.59 MB
Formato Adobe PDF
7.59 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11311/1124797
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact