Tutela e valorizzazione sono azioni definite dal Codice dei beni culturali at-traverso le quali lo Stato italiano oggi attua la gestione del patrimonio culturale. Il termine «cultura» ha oggi assunto un significato antropologico, perché ab-braccia non solo le manifestazioni artistiche e le tracce storiche di un popolo e di una civiltà, ma anche manifestazioni con carattere tradizionale e di natura popolare e, per questo, identitarie . La tutela rimanda a un’azione di carattere prescrittivo che affida allo Stato la potestà di esercitare il controllo sugli oggetti riconosciuti come patrimonio cultura-le (così come definito dall’articolo 2 del Codice). La questione del rapporto fra pubblico e privato proposto dalla legge del 2001 , attraverso il procedimento della «cartolarizzazione» del patrimonio immobiliare pubblico, ha acceso dibattiti importanti e ha costretto ad affrontare nuova-mente il tema dell valore dei beni culturali. Il Codice, introducendo e specificando in tempi diversi il concetto e le modalità di valorizzazione, cerca di sancire, come si legge nel punto 3 dell’articolo citato, l’ingresso dei privati nel processo di valorizzazione. Gli anni, solo venti in realtà, che dividono Camillo Boito (1836-1914) da Cor-rado Ricci (1857-1934) vedono evolversi il concetto di restauro del monumento verso un’attività di «valorizzazione» che, se non può essere intesa nel suo attuale significato, così ricco per altro di sfumature, permette di dare ragione di come, alla necessità della tutela del patrimonio storico artistico italiano, caldamente perorata da Camillo Boito, faccia seguito l’obbligo di gestire l’immenso patrimonio storico, artistico, paesistico italiano.

Da Camillo Boito a Corrado Ricci: evoluzione delle attività di «tutela» e di «valorizzazione»

Nora Lombardini
2018

Abstract

Tutela e valorizzazione sono azioni definite dal Codice dei beni culturali at-traverso le quali lo Stato italiano oggi attua la gestione del patrimonio culturale. Il termine «cultura» ha oggi assunto un significato antropologico, perché ab-braccia non solo le manifestazioni artistiche e le tracce storiche di un popolo e di una civiltà, ma anche manifestazioni con carattere tradizionale e di natura popolare e, per questo, identitarie . La tutela rimanda a un’azione di carattere prescrittivo che affida allo Stato la potestà di esercitare il controllo sugli oggetti riconosciuti come patrimonio cultura-le (così come definito dall’articolo 2 del Codice). La questione del rapporto fra pubblico e privato proposto dalla legge del 2001 , attraverso il procedimento della «cartolarizzazione» del patrimonio immobiliare pubblico, ha acceso dibattiti importanti e ha costretto ad affrontare nuova-mente il tema dell valore dei beni culturali. Il Codice, introducendo e specificando in tempi diversi il concetto e le modalità di valorizzazione, cerca di sancire, come si legge nel punto 3 dell’articolo citato, l’ingresso dei privati nel processo di valorizzazione. Gli anni, solo venti in realtà, che dividono Camillo Boito (1836-1914) da Cor-rado Ricci (1857-1934) vedono evolversi il concetto di restauro del monumento verso un’attività di «valorizzazione» che, se non può essere intesa nel suo attuale significato, così ricco per altro di sfumature, permette di dare ragione di come, alla necessità della tutela del patrimonio storico artistico italiano, caldamente perorata da Camillo Boito, faccia seguito l’obbligo di gestire l’immenso patrimonio storico, artistico, paesistico italiano.
Camillo Boito Moderno
9788857542942
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
2018_Lombardini_Boito.pdf

Accesso riservato

Descrizione: Pubblicazione
: Publisher’s version
Dimensione 3.03 MB
Formato Adobe PDF
3.03 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11311/1123886
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact