Roberto Pane propone, a noi osservatori del neo-terzo millennio, un punto di vista sul progetto molto articolato, per la capacità realmente originale di affrontare il tema peculiare del restauro architettonico con un’ottica straordinariamente ricca e innovativa. Egli ha introdotto, infatti, già a metà del secolo scorso, il valore psicologico della connessione alla memoria e il riconoscimento e la necessità della conservazione della bellezza, quali aspetti imprescindibili alla fruizione degli spazi modellati dall’uomo, nel tempo e nella storia. Luoghi capaci di divenire, grazie alla cura e alla loro intelligente conservazione, fonti inesauribili di un benessere percepito che trascende senz’altro la funzione, sia essa solo monumentale o congiuntamente pratica. Logiche che oggi, per chi sviluppa ricerca e progetto per gli spazi urbani in grande trasformazione – in piena era postmoderna e nell’ambito della cosiddetta società dell’informazione – ritengo vitali e in grado, se ben ideate, di attivare quel circolo virtuoso fra memoria, territorio, design, uso e valore che consente di restituire ai luoghi quel senso di bene comune troppo spesso andato perso e la virtù di essere realmente ospitali per tutti.

Roberto Pane e la sua lezione.

G. Piccinno
2017-01-01

Abstract

Roberto Pane propone, a noi osservatori del neo-terzo millennio, un punto di vista sul progetto molto articolato, per la capacità realmente originale di affrontare il tema peculiare del restauro architettonico con un’ottica straordinariamente ricca e innovativa. Egli ha introdotto, infatti, già a metà del secolo scorso, il valore psicologico della connessione alla memoria e il riconoscimento e la necessità della conservazione della bellezza, quali aspetti imprescindibili alla fruizione degli spazi modellati dall’uomo, nel tempo e nella storia. Luoghi capaci di divenire, grazie alla cura e alla loro intelligente conservazione, fonti inesauribili di un benessere percepito che trascende senz’altro la funzione, sia essa solo monumentale o congiuntamente pratica. Logiche che oggi, per chi sviluppa ricerca e progetto per gli spazi urbani in grande trasformazione – in piena era postmoderna e nell’ambito della cosiddetta società dell’informazione – ritengo vitali e in grado, se ben ideate, di attivare quel circolo virtuoso fra memoria, territorio, design, uso e valore che consente di restituire ai luoghi quel senso di bene comune troppo spesso andato perso e la virtù di essere realmente ospitali per tutti.
Memoria, bellezza e transdisciplinarità. Riflessioni sull'attualità di Roberto Pane
978-88-916-2084-2
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Giovanna Picinno. Roberto Pane e la sua lezione. .pdf

accesso aperto

Descrizione: Dattiloscritto autore
: Post-Print (DRAFT o Author’s Accepted Manuscript-AAM)
Dimensione 143.59 kB
Formato Adobe PDF
143.59 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11311/1120888
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact