La Direttiva Alluvioni (2007/60/CE) impone agli Stati Membri di mettere a disposizione dei cittadini le mappe di pericolosità e di rischio di alluvioni. Tuttavia, rendere disponibili tali mappe non è sufficiente ad informare il pubblico sui rischi. È necessario che le mappe vengano comprese e interpretate correttamente. Quali sono gli elementi che rendono le mappe di pericolosità e di rischio idonee e chiare per i non esperti? Quali sono le informazioni attese dai tecnici in tali mappe? Per rispondere a queste domande, all'interno del progetto Flood-IMPAT+, sono stati condotti una serie di laboratori di mappatura collettiva, definiti co-mapping lab. I laboratori hanno coinvolto rappresentanti della società civile, delle attività economiche e delle istituzioni responsabili della gestione del rischio alluvionale. Ai diversi soggetti è stato chiesto di analizzare le mappe di rischio prodotte all'interno del progetto in relazione alle sue componenti di pericolosità, esposizione, vulnerabilità e danno al fine di raccogliere linee guida per aumentare l'efficacia comunicativa delle mappe. I contributi dei partecipanti sono stati fondamentali per capire il tipo di informazioni e il linguaggio che permettono una rappresentazione del rischio efficace e comprensibile da parte di una moltitudine di soggetti diversi. In conclusione, i laboratori hanno avuto il valore aggiunto di essere un'esperienza di ricerca collaborativa e di progettazione partecipata nella comunicazione del rischio, fornendo suggerimenti e raccomandazioni che dovrebbero essere incorporati nella progettazione di nuove mappe di rischio.

Co-mapping lab: un’esperienza di costruzione collaborativa delle mappe di rischio alluvionale

G. Minucci;D. Molinari;M. Galliani;A. Gallazzi
2019-01-01

Abstract

La Direttiva Alluvioni (2007/60/CE) impone agli Stati Membri di mettere a disposizione dei cittadini le mappe di pericolosità e di rischio di alluvioni. Tuttavia, rendere disponibili tali mappe non è sufficiente ad informare il pubblico sui rischi. È necessario che le mappe vengano comprese e interpretate correttamente. Quali sono gli elementi che rendono le mappe di pericolosità e di rischio idonee e chiare per i non esperti? Quali sono le informazioni attese dai tecnici in tali mappe? Per rispondere a queste domande, all'interno del progetto Flood-IMPAT+, sono stati condotti una serie di laboratori di mappatura collettiva, definiti co-mapping lab. I laboratori hanno coinvolto rappresentanti della società civile, delle attività economiche e delle istituzioni responsabili della gestione del rischio alluvionale. Ai diversi soggetti è stato chiesto di analizzare le mappe di rischio prodotte all'interno del progetto in relazione alle sue componenti di pericolosità, esposizione, vulnerabilità e danno al fine di raccogliere linee guida per aumentare l'efficacia comunicativa delle mappe. I contributi dei partecipanti sono stati fondamentali per capire il tipo di informazioni e il linguaggio che permettono una rappresentazione del rischio efficace e comprensibile da parte di una moltitudine di soggetti diversi. In conclusione, i laboratori hanno avuto il valore aggiunto di essere un'esperienza di ricerca collaborativa e di progettazione partecipata nella comunicazione del rischio, fornendo suggerimenti e raccomandazioni che dovrebbero essere incorporati nella progettazione di nuove mappe di rischio.
Atti della XXII Conferenza SIU 2019 - Società Italiana degli Urbanisti
communication, participation, cartography
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Minucci_Co-Maps Labs_SIU_2019.pdf

Accesso riservato

Descrizione: articolo principale
: Pre-Print (o Pre-Refereeing)
Dimensione 345.67 kB
Formato Adobe PDF
345.67 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11311/1118375
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact