Il concetto di capitale sociale è presente in tutte le sezioni del libro, ma è in questa terza sezione che alcune delle sue possibili attuazioni e funzioni emergono in modo più evidente. Jane Jacobs (1961) delinea il concetto di capitale sociale come strettamente collegato alla capacità auto-organizzativa e, potremmo dire, di “sopravvivenza” delle aree urbane. L’importanza di fattori come la prossimità, da un lato, e le reti informali dall’altro sono già presenti nella trattazione di Jacobs. La funzione del capitale sociale si esplicita e agisce in due ambiti, separati e collegati contemporaneamente: quello personale e quello collettivo. Da un lato il capitale sociale supporta i singoli individui nella risoluzione di problemi di ordine quotidiano, dall’altro, facendo ciò, può generare delle ricadute positive più ampie, a livello cittadino e territoriale. Quest’ultimo punto è quello preso in considerazione nell’ultima sezione del libro; gli autori, infatti, identificano diversi approcci del Design per i Territori che riteniamo particolarmente rilevanti nei processi di (ri)produzione del capitale sociale.

Collaborare per competere: la forza dei legami deboli.

C. Sedini
2018-01-01

Abstract

Il concetto di capitale sociale è presente in tutte le sezioni del libro, ma è in questa terza sezione che alcune delle sue possibili attuazioni e funzioni emergono in modo più evidente. Jane Jacobs (1961) delinea il concetto di capitale sociale come strettamente collegato alla capacità auto-organizzativa e, potremmo dire, di “sopravvivenza” delle aree urbane. L’importanza di fattori come la prossimità, da un lato, e le reti informali dall’altro sono già presenti nella trattazione di Jacobs. La funzione del capitale sociale si esplicita e agisce in due ambiti, separati e collegati contemporaneamente: quello personale e quello collettivo. Da un lato il capitale sociale supporta i singoli individui nella risoluzione di problemi di ordine quotidiano, dall’altro, facendo ciò, può generare delle ricadute positive più ampie, a livello cittadino e territoriale. Quest’ultimo punto è quello preso in considerazione nell’ultima sezione del libro; gli autori, infatti, identificano diversi approcci del Design per i Territori che riteniamo particolarmente rilevanti nei processi di (ri)produzione del capitale sociale.
D4T – Design per i Territori. Approcci, metodi, esperienze
9788899854614
design per i territori, capitale sociale, sociologia per il design
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
D4T-coll-comp-sedini.pdf

Accesso riservato

: Publisher’s version
Dimensione 962.34 kB
Formato Adobe PDF
962.34 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11311/1116478
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact