Il lungo ciclo della rigenerazione urbana “a leva immobiliare” tipi-co di molti sistemi urbani contemporanei ha contribuito a riplasmare il volto della città di Milano a partire dai primi anni ’90, dando visibilità e concretezza ai profondi cambiamenti che hanno accompagnato la transizione terziaria e la globalizzazione dell’economia. Gli investitori privati sono stati i protagonisti di questa stagione di rinnovamento urbano caratterizzata dalla diffusione dei “programmi complessi” quali strumenti per coordinare tra loro interventi pubblici e privati, tesi a migliorare l’assetto e la qualità urba-na. Le ricadute sul sistema dell’abitare e sulle opportunità di accesso all’abitazione per i cittadini sono al centro della prima parte di questo contributo. Nonostante il dinamismo che ha contraddistinto Milano in questa fase di trasformazione (che ha visto un brusco arresto con l’avvento della crisi economico-finanziaria del 2007) e alcuni ri-sultati positivi nel panorama dei programmi complessi, la chiave di lettura proposta assume che gli interventi di nuova edificazione o di recupero dell’esistente abbiano impattato su un sistema di accesso all’abitazione divenuto nel tempo molto rigido e selettivo. Negli ultimi anni, la domanda di abitazione è andata riarticolandosi attorno a nuove criticità rispetto al passato, portando in luce ampie zone di fra-gilità abitativa connotate da problemi di affordability e incertezza, a fronte di un complessivo miglioramento dei problemi di disagio più tradizionali legati alla qualità e alle dimensioni dell’alloggio. La seconda parte del contributo presenta il recente passaggio da un modello di sviluppo connotato da un approccio additivo legato alla promozione degli interventi privati, ad una nuova stagione nella quale la visione progettuale generale (contenuta nel Piano di Governo del Territorio, 2012) si coniuga con una ricostruzione selettiva di stra-tegie pubbliche. Vengono qui discussi gli esiti, ancorché provvisori, delle sperimentazioni in atto nel campo della produzione di affordable housing, e segnalati gli aspetti mag-giormente innovativi e promettenti.

Milano attraverso la crisi: lo sviluppo immobiliare, l’abitabilità, le politiche

L. Pogliani;R. Torri
2018

Abstract

Il lungo ciclo della rigenerazione urbana “a leva immobiliare” tipi-co di molti sistemi urbani contemporanei ha contribuito a riplasmare il volto della città di Milano a partire dai primi anni ’90, dando visibilità e concretezza ai profondi cambiamenti che hanno accompagnato la transizione terziaria e la globalizzazione dell’economia. Gli investitori privati sono stati i protagonisti di questa stagione di rinnovamento urbano caratterizzata dalla diffusione dei “programmi complessi” quali strumenti per coordinare tra loro interventi pubblici e privati, tesi a migliorare l’assetto e la qualità urba-na. Le ricadute sul sistema dell’abitare e sulle opportunità di accesso all’abitazione per i cittadini sono al centro della prima parte di questo contributo. Nonostante il dinamismo che ha contraddistinto Milano in questa fase di trasformazione (che ha visto un brusco arresto con l’avvento della crisi economico-finanziaria del 2007) e alcuni ri-sultati positivi nel panorama dei programmi complessi, la chiave di lettura proposta assume che gli interventi di nuova edificazione o di recupero dell’esistente abbiano impattato su un sistema di accesso all’abitazione divenuto nel tempo molto rigido e selettivo. Negli ultimi anni, la domanda di abitazione è andata riarticolandosi attorno a nuove criticità rispetto al passato, portando in luce ampie zone di fra-gilità abitativa connotate da problemi di affordability e incertezza, a fronte di un complessivo miglioramento dei problemi di disagio più tradizionali legati alla qualità e alle dimensioni dell’alloggio. La seconda parte del contributo presenta il recente passaggio da un modello di sviluppo connotato da un approccio additivo legato alla promozione degli interventi privati, ad una nuova stagione nella quale la visione progettuale generale (contenuta nel Piano di Governo del Territorio, 2012) si coniuga con una ricostruzione selettiva di stra-tegie pubbliche. Vengono qui discussi gli esiti, ancorché provvisori, delle sperimentazioni in atto nel campo della produzione di affordable housing, e segnalati gli aspetti mag-giormente innovativi e promettenti.
L’Italia senza casa
978-88-917-6872-8
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Pogliani_Torri_Milano attraverso la crisi.pdf

Accesso riservato

Descrizione: Contributo in Volume
: Post-Print (DRAFT o Author’s Accepted Manuscript-AAM)
Dimensione 226.61 kB
Formato Adobe PDF
226.61 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11311/1096215
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact