Moderno e contemporaneo, tra recupero e transdisciplinarità