La ricerca si pone l’obiettivo di verificare computazionalmente la rispondenza tra l’offerta progettuale e le richieste della Committenza, attraverso l’applicazione della modellazione informativa. Fin dalle prime fasi del progetto è possibile quantificare la rispondenza del medesimo alle richieste iniziali formulate. Risulta fondamentale, per il buon esito e l’efficacia di applicazione del metodo, la qualificazione della domanda. Essa rappresenta il punto di partenza e di arrivo dell’intero processo edilizio, nonché il benchmark per la valutazione delle alternative progettuali in fase di gara. La modellazione informativa impone, rispetto a un approccio tradizionale, un cambiamento sostanziale nella gestione del flusso informativo: la produzione e la raccolta dei dati a supporto della progettazione vengono anticipate alle fasi preliminari del processo. La ricerca è stata applicata ad un bando di servizi di progettazione di una nuova scuola a Posada, nell’ambito del Progetto Iscol@. Si è partiti dal Documento di Indirizzo alla Progettazione (DIP) a base di gara, prestando particolare attenzione alla traduzione delle richieste della Committenza in una domanda computazionale. Le informazioni, strutturate e rese così disponibili, hanno supportato il processo decisionale nella fase metaprogettuale. Controlli e analisi finalizzati alla verifica dell’ipotesi progettuale sono stati eseguiti nelle fasi preliminari del progetto, così che le modifiche consentano l’ottenimento di un miglior rapporto costi/benefici. La verifica dell’integrazione tra il progetto architettonico ed il metodo pedagogico, obiettivo posto dal DIP e dal Progetto Iscol@, ha richiesto simulazioni del modello d’uso della scuola oggetto del bando per quantificare le interazioni tra gli utenti e verificare il corretto dimensionamento degli spazi. I risultati ottenuti dalla ricerca evidenziano come la modellazione informativa, ponendo in relazione diretta i requisiti iniziali con l’evolversi della progettazione, permetta di ottimizzare la soluzione progettuale in funzione delle indicazioni, dei vincoli e delle necessità espresse dalla Committenza.

UNA DOMANDA COMPUTAZIONALE A SUPPORTO DELLA MODELLAZIONE INFORMATIVA

Di Giuda, Giuseppe Martino;Grecchi, Manuela;Villa, Valentina;LOCATELLI, MIRKO;PELLEGRINI, LAURA
2018

Abstract

La ricerca si pone l’obiettivo di verificare computazionalmente la rispondenza tra l’offerta progettuale e le richieste della Committenza, attraverso l’applicazione della modellazione informativa. Fin dalle prime fasi del progetto è possibile quantificare la rispondenza del medesimo alle richieste iniziali formulate. Risulta fondamentale, per il buon esito e l’efficacia di applicazione del metodo, la qualificazione della domanda. Essa rappresenta il punto di partenza e di arrivo dell’intero processo edilizio, nonché il benchmark per la valutazione delle alternative progettuali in fase di gara. La modellazione informativa impone, rispetto a un approccio tradizionale, un cambiamento sostanziale nella gestione del flusso informativo: la produzione e la raccolta dei dati a supporto della progettazione vengono anticipate alle fasi preliminari del processo. La ricerca è stata applicata ad un bando di servizi di progettazione di una nuova scuola a Posada, nell’ambito del Progetto Iscol@. Si è partiti dal Documento di Indirizzo alla Progettazione (DIP) a base di gara, prestando particolare attenzione alla traduzione delle richieste della Committenza in una domanda computazionale. Le informazioni, strutturate e rese così disponibili, hanno supportato il processo decisionale nella fase metaprogettuale. Controlli e analisi finalizzati alla verifica dell’ipotesi progettuale sono stati eseguiti nelle fasi preliminari del progetto, così che le modifiche consentano l’ottenimento di un miglior rapporto costi/benefici. La verifica dell’integrazione tra il progetto architettonico ed il metodo pedagogico, obiettivo posto dal DIP e dal Progetto Iscol@, ha richiesto simulazioni del modello d’uso della scuola oggetto del bando per quantificare le interazioni tra gli utenti e verificare il corretto dimensionamento degli spazi. I risultati ottenuti dalla ricerca evidenziano come la modellazione informativa, ponendo in relazione diretta i requisiti iniziali con l’evolversi della progettazione, permetta di ottimizzare la soluzione progettuale in funzione delle indicazioni, dei vincoli e delle necessità espresse dalla Committenza.
Colloqui.AT.E 2018 Edilizia Circolare
978-88-96386-75-0
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Colloqui-ATe-2018_1051-1059.pdf

Accesso riservato

: Publisher’s version
Dimensione 342.28 kB
Formato Adobe PDF
342.28 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11311/1090698
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact