Sul finire dell’Ottocento e l’inizio del nuovo secolo in Italia si sviluppò una specifica letteratura scientifica e divulgativa dedicata alla prevenzione antincendio e agli interventi necessari per salvare vite umane e il patrimonio edilizio e marittimo in occasione di calamità naturali, terremoti ed eventi accidentali. La nascita e la diffusione di riviste specializzate su temi pompieristici, polarizzata sui periodici editi a Napoli e a Milano, si rivelò fondamentale premessa culturale alla creazione di una coscienza unitaria condivisa sul soccorso e alla successiva creazione del Corpo Nazionale Italiano dei Vigili del Fuoco. Considerata da molti “letteratura minore”, nei secoli scorsi queste riviste rappresentarono uno dei vertici del dibattito sociale e tecnologico-scientifico riconosciuti in ambito internazionale, capace di promuovere un diffuso rinnovamento dei saperi della prevenzione e contribuire alla definizione dei modelli e dei tipi architettonici delle nascenti caserme dei pompieri. Ingiustamente dimenticata e sottovalutata questa “riscoperta letteratura” per decenni ha costituito un avamposto di modernità ed è divenuta oggi fonte imprescindibile per la creazione di una storia dei Vigili del fuoco e del soccorso europeo, fortemente connessa ai processi della Seconda Rivoluzione Industriale, e in parte, alla definizione di “fragilità urbana”.

Il futuro non giace sulle “ginocchia di Giove”: la pubblicistica italiana sul soccorso tecnico e la prevenzione dalla fine del XIX secolo alla Prima Guerra Mondiale

F. Zanzottera;CIMBOLLI SPAGNESI, PIERO
2018

Abstract

Sul finire dell’Ottocento e l’inizio del nuovo secolo in Italia si sviluppò una specifica letteratura scientifica e divulgativa dedicata alla prevenzione antincendio e agli interventi necessari per salvare vite umane e il patrimonio edilizio e marittimo in occasione di calamità naturali, terremoti ed eventi accidentali. La nascita e la diffusione di riviste specializzate su temi pompieristici, polarizzata sui periodici editi a Napoli e a Milano, si rivelò fondamentale premessa culturale alla creazione di una coscienza unitaria condivisa sul soccorso e alla successiva creazione del Corpo Nazionale Italiano dei Vigili del Fuoco. Considerata da molti “letteratura minore”, nei secoli scorsi queste riviste rappresentarono uno dei vertici del dibattito sociale e tecnologico-scientifico riconosciuti in ambito internazionale, capace di promuovere un diffuso rinnovamento dei saperi della prevenzione e contribuire alla definizione dei modelli e dei tipi architettonici delle nascenti caserme dei pompieri. Ingiustamente dimenticata e sottovalutata questa “riscoperta letteratura” per decenni ha costituito un avamposto di modernità ed è divenuta oggi fonte imprescindibile per la creazione di una storia dei Vigili del fuoco e del soccorso europeo, fortemente connessa ai processi della Seconda Rivoluzione Industriale, e in parte, alla definizione di “fragilità urbana”.
Salvare la Storia. Testimonianze di soccorso tecnico e prevenzioni antincendi nel passato
9788894340709
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Il futuro non giace sulle ginocchia di Giove-ilovepdf-compressed.pdf

accesso aperto

Descrizione: Saggio pubblicato
: Publisher’s version
Dimensione 1.74 MB
Formato Adobe PDF
1.74 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11311/1075108
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact