Questa mostra sull’opera di Fernand Pouillon vuole mettere a fuoco il suo stretto rapporto tra architettura, città e paesaggio, con speciale considerazione alla serrata relazione tra i caratteri architettonici della costruzione e le forme urbane delle edificazioni.La ristretta selezione delle opere in mostra vuole rappresentare il loro rapporto tra architettura, città e paesaggio, considerando la relazione tra i caratteri architettonici della costruzione e le forme urbane delle edificazioni e dello spazio pubblico. I lavori selezionati possono essere intesi come guida nel quadro generale dell’opera di Pouillon. A partire da queste se ne possano operare più approfondite letture critiche e operative. La selezione è anche orientata dalla necessità di un ordinamento dei materiali d’archivio, alla ricerca e reperimento di nuova documentazione che renda possibile organizzare attorno alle opere scelte uno studio approfondito se non l’apertura di nuovi orizzonti. La Mostra ha inaugurato il suo viaggio nella prima sede espositiva: palazzo Gravina a Napoli il 19 Aprile 2018, in seguito sarà allestita Bari, Firenze, Roma, Milano, Venezia, Cesena, entro il febbraio 2019. La mostra sarà allestita successivamente in Svizzera a Losanna e in Francia a Parigi, Lione e Marsiglia. Toccherà successivamente centri particolarmente rilevanti della cultura architettonica europea e mediterranea come Madrid, Saragozza e Algeri.

FERNAND POUILLON, COSTRUZIONE_CITTA_PAESAGGIO, opere scelte 1948_1968 mostra Itinerante 2018_2019 1. Napoli, Federico II° palazzo Gravina, dal 19 4 al 7 5 2018 2. Bari, POLIBA Architettura, dal 15 5 al 15 6 2018 3. Firenze, UNIFI Architettura, spazio espositivo Santa Teresa, dal 5 9 al 5 10 2018 4. Milano, Polimi AUIC, Galleria del Progetto, dal 16 10 al 21 12 2018 a seguire altre esposizioni in Italie e Francia in corso di realizzazione

Giulio Barazzetta;CAPOZZI, RENATO;Cecilia Fumagalli;MOSSA, EMILIO;Francesco Collotti.
2018

Abstract

Questa mostra sull’opera di Fernand Pouillon vuole mettere a fuoco il suo stretto rapporto tra architettura, città e paesaggio, con speciale considerazione alla serrata relazione tra i caratteri architettonici della costruzione e le forme urbane delle edificazioni.La ristretta selezione delle opere in mostra vuole rappresentare il loro rapporto tra architettura, città e paesaggio, considerando la relazione tra i caratteri architettonici della costruzione e le forme urbane delle edificazioni e dello spazio pubblico. I lavori selezionati possono essere intesi come guida nel quadro generale dell’opera di Pouillon. A partire da queste se ne possano operare più approfondite letture critiche e operative. La selezione è anche orientata dalla necessità di un ordinamento dei materiali d’archivio, alla ricerca e reperimento di nuova documentazione che renda possibile organizzare attorno alle opere scelte uno studio approfondito se non l’apertura di nuovi orizzonti. La Mostra ha inaugurato il suo viaggio nella prima sede espositiva: palazzo Gravina a Napoli il 19 Aprile 2018, in seguito sarà allestita Bari, Firenze, Roma, Milano, Venezia, Cesena, entro il febbraio 2019. La mostra sarà allestita successivamente in Svizzera a Losanna e in Francia a Parigi, Lione e Marsiglia. Toccherà successivamente centri particolarmente rilevanti della cultura architettonica europea e mediterranea come Madrid, Saragozza e Algeri.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
A5 MI ott2018 WEB .pdf

accesso aperto

Descrizione: booklet della Mostra AUIC Milano
: Altro materiale allegato
Dimensione 5.85 MB
Formato Adobe PDF
5.85 MB Adobe PDF Visualizza/Apri
IMG_0210.JPG

accesso aperto

Descrizione: immagine fotografica dell'allestimento
: Altro materiale allegato
Dimensione 879.39 kB
Formato JPEG
879.39 kB JPEG Visualizza/Apri
Catalogo Pouillon_def low.pdf

accesso aperto

Descrizione: catalogo a stampa del primo allestimento Napoli maggio 2018
: Publisher’s version
Dimensione 3.64 MB
Formato Adobe PDF
3.64 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11311/1070228
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact