Il molteplice dello spazio teatrale