A venti anni di distanza dall’uscita dell’unica monografia completa a lui dedicata, da tempo esaurita, il libro ricostruisce in 16 capitoli tematici, corredati con 75 schede descrittive delle principali opere, la complessa e intensa attività progettuale del maestro friulano, tracciando diversi percorsi di lettura attraverso i contesti geografici, i caratteri formali, i linguaggi costruttivi, i riferimenti intellettuali di un’opera che sfugge ad ogni classificazione. Fin dalle prime opere realizzate negli anni ’50 a Udine e nel Friuli, Gino Valle (1923-2003) fu riconosciuto dalla critica internazionale come una delle figure più originali e creative dell’architettura europea del dopoguerra. Il suo talento artistico, associato con una grande curiosità intellettuale e con un’autentica passione per la sperimentazione di nuove tecniche costruttive, portò Valle a elaborare un’opera architettonica decisamente aperta e multiforme. Nei centri minori del Friuli e del Veneto oppure nei contesti metropolitani di New York, Parigi e Berlino, case popolari e banche, stabilimenti industriali e uffici, municipi e palazzi di giustizia rimangono oggi esempi costruiti di grande attualità, opere di riferimento per la discussione di temi progettuali significativi che riguardano la relazione tra nuova architettura e preesistenze storiche, tra insediamenti industriali e paesaggio aperto, tra disegno urbano e progetto di architettura. Una parte molto consistente della sua opera fu dedicata al programma tipicamente “moderno” degli spazi per il lavoro – la fabbrica e l’ufficio – in risposta ad una committenza prima regionale e nazionale (le industrie Zanussi, Fantoni, Olivetti), e successivamente internazionale e multinazionale (l’IBM, la Banca Commerciale Italiana, la Deutsche Bank). [110620.EG ISBN 9788837071738 non documentato in cataloghi] Twenty years after the publication of the only complete monograph to him devoted, written by Pierre-Alain Croset and for a long time out of print, the book reconstructs in 16 thematic chapters, together with 75 descriptive files on the principal works, the complex and intense activity of the Friulian Master, tracing different interpretative routes through the geographical contexts, the formal characters, the constructive languages, the intellectual references of a work that escapes to every classification. Since the first works realized in the years '50 in Udine and in the Friuli, Gino Valle (1923 -2003) has been recognized by the international criticism as one of the most original and creative figures of the European architecture of the postwar period. His artistic talent, in association with a great intellectual curiosity and with an authentic passion for the experimentation of new constructive techniques, brought Valle to elaborate an open and multiform architectural work. In the smaller centers of the Friuli and Veneto or in the metropolitan contexts of New York, Paris and Berlin, social housing and banks, industrial plants and offices, town hall and courts of justice remain today built examples of great actuality, reference works for the discussion of meaningful architectural themes as, for example, the relationship between new architecture and historical context, between industrial settlements and open landscape, between urban design and project of architecture. A very consistent part of its work was typically devoted to the program, typically "modern", of the work spaces (the factory and the office), in answer to clients firstly regional and national (the industries Zanussi, Fantoni, Olivetti), and subsequently international and multinational (the IBM, the Italian Commercial Bank, the Deutsche Bank).

Gino Valle

CROSET, PIERRE ALAIN;Skansi L.
2010

Abstract

A venti anni di distanza dall’uscita dell’unica monografia completa a lui dedicata, da tempo esaurita, il libro ricostruisce in 16 capitoli tematici, corredati con 75 schede descrittive delle principali opere, la complessa e intensa attività progettuale del maestro friulano, tracciando diversi percorsi di lettura attraverso i contesti geografici, i caratteri formali, i linguaggi costruttivi, i riferimenti intellettuali di un’opera che sfugge ad ogni classificazione. Fin dalle prime opere realizzate negli anni ’50 a Udine e nel Friuli, Gino Valle (1923-2003) fu riconosciuto dalla critica internazionale come una delle figure più originali e creative dell’architettura europea del dopoguerra. Il suo talento artistico, associato con una grande curiosità intellettuale e con un’autentica passione per la sperimentazione di nuove tecniche costruttive, portò Valle a elaborare un’opera architettonica decisamente aperta e multiforme. Nei centri minori del Friuli e del Veneto oppure nei contesti metropolitani di New York, Parigi e Berlino, case popolari e banche, stabilimenti industriali e uffici, municipi e palazzi di giustizia rimangono oggi esempi costruiti di grande attualità, opere di riferimento per la discussione di temi progettuali significativi che riguardano la relazione tra nuova architettura e preesistenze storiche, tra insediamenti industriali e paesaggio aperto, tra disegno urbano e progetto di architettura. Una parte molto consistente della sua opera fu dedicata al programma tipicamente “moderno” degli spazi per il lavoro – la fabbrica e l’ufficio – in risposta ad una committenza prima regionale e nazionale (le industrie Zanussi, Fantoni, Olivetti), e successivamente internazionale e multinazionale (l’IBM, la Banca Commerciale Italiana, la Deutsche Bank). [110620.EG ISBN 9788837071738 non documentato in cataloghi] Twenty years after the publication of the only complete monograph to him devoted, written by Pierre-Alain Croset and for a long time out of print, the book reconstructs in 16 thematic chapters, together with 75 descriptive files on the principal works, the complex and intense activity of the Friulian Master, tracing different interpretative routes through the geographical contexts, the formal characters, the constructive languages, the intellectual references of a work that escapes to every classification. Since the first works realized in the years '50 in Udine and in the Friuli, Gino Valle (1923 -2003) has been recognized by the international criticism as one of the most original and creative figures of the European architecture of the postwar period. His artistic talent, in association with a great intellectual curiosity and with an authentic passion for the experimentation of new constructive techniques, brought Valle to elaborate an open and multiform architectural work. In the smaller centers of the Friuli and Veneto or in the metropolitan contexts of New York, Paris and Berlin, social housing and banks, industrial plants and offices, town hall and courts of justice remain today built examples of great actuality, reference works for the discussion of meaningful architectural themes as, for example, the relationship between new architecture and historical context, between industrial settlements and open landscape, between urban design and project of architecture. A very consistent part of its work was typically devoted to the program, typically "modern", of the work spaces (the factory and the office), in answer to clients firstly regional and national (the industries Zanussi, Fantoni, Olivetti), and subsequently international and multinational (the IBM, the Italian Commercial Bank, the Deutsche Bank).
Mondadori Electa
9788837071721
architettura italiana; storia dell'architettura; Gino Valle; Friuli; Udine; urbanistica italiana
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
valle0_copertina.pdf

Accesso riservato

Dimensione 63.13 kB
Formato Adobe PDF
63.13 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri
valle2_3.pdf

Accesso riservato

Dimensione 2.83 MB
Formato Adobe PDF
2.83 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri
valle9.pdf

Accesso riservato

Dimensione 3.09 MB
Formato Adobe PDF
3.09 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri
valle13.pdf

Accesso riservato

Dimensione 2.24 MB
Formato Adobe PDF
2.24 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri
valle7_8.pdf

Accesso riservato

Dimensione 4.3 MB
Formato Adobe PDF
4.3 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri
valle15.pdf

Accesso riservato

Dimensione 2.91 MB
Formato Adobe PDF
2.91 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri
valle16.pdf

Accesso riservato

Dimensione 1.56 MB
Formato Adobe PDF
1.56 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri
valle17_apparati.pdf

Accesso riservato

Dimensione 351.78 kB
Formato Adobe PDF
351.78 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri
valle12.pdf

Accesso riservato

Dimensione 2.42 MB
Formato Adobe PDF
2.42 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri
valle4_6.pdf

Accesso riservato

Dimensione 5.72 MB
Formato Adobe PDF
5.72 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri
valle1.pdf

Accesso riservato

Dimensione 1.37 MB
Formato Adobe PDF
1.37 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri
valle14.pdf

Accesso riservato

Dimensione 8.69 MB
Formato Adobe PDF
8.69 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11311/1061929
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact