Una ricerca degli anni 70 sulla città di Milano, attuata da un gruppo di studiosi ed architetti, mise in luce le relazioni tra campo urbano e campo didattico tese tra i ruoli comunicativo e culturale dell’agglomerato cittadino; oggi è possibile indagare le “reti” di relazioni a partire dalle molteplici e contemporanee identità che, dopo oltre tre decenni, convivono diffusamente nelle moderne città. Attualmente le transazioni cittadine, non certo solo a Milano, avvengono tramite la messa in comune di un universo di codici visivi, acustici, spaziali, aptici, iper-codici, dando per assunto il ruolo di medium sociale dell’ambiente urbano. Tali modalità di scambio sono la conseguenza dei cambiamenti, nel tempo e dello spazio, che le tecnologie stanno operando a tutti i livelli. Si considerano le caratteristiche dello spazio urbano e il carattere virtuale delle comunicazioni, identificando in tale spazio l’oggetto di decodifica e reinterpretazione, non statico e passivo, piuttosto costantemente plasmabile da chi lo vive.

Paesaggi Invisibili: identità e alterità

Daniela Calabi
2006

Abstract

Una ricerca degli anni 70 sulla città di Milano, attuata da un gruppo di studiosi ed architetti, mise in luce le relazioni tra campo urbano e campo didattico tese tra i ruoli comunicativo e culturale dell’agglomerato cittadino; oggi è possibile indagare le “reti” di relazioni a partire dalle molteplici e contemporanee identità che, dopo oltre tre decenni, convivono diffusamente nelle moderne città. Attualmente le transazioni cittadine, non certo solo a Milano, avvengono tramite la messa in comune di un universo di codici visivi, acustici, spaziali, aptici, iper-codici, dando per assunto il ruolo di medium sociale dell’ambiente urbano. Tali modalità di scambio sono la conseguenza dei cambiamenti, nel tempo e dello spazio, che le tecnologie stanno operando a tutti i livelli. Si considerano le caratteristiche dello spazio urbano e il carattere virtuale delle comunicazioni, identificando in tale spazio l’oggetto di decodifica e reinterpretazione, non statico e passivo, piuttosto costantemente plasmabile da chi lo vive.
Visual and Haptic Urban Design
88-7090-904-2
Città, Comunicazione, Percezione aptica, Identità, Alterità
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Visual-Haptic_Urban_Design.pdf

Accesso riservato

: Publisher’s version
Dimensione 9.36 MB
Formato Adobe PDF
9.36 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11311/1052005
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact