Sull’utilizzo dell’energia cinetica per produzione additiva: primi risultati di prove di fatica e confronto con lavorazioni SLM