Consonanze sinestesiche. Una costante reciprocità traduttiva