Il nuovo paradigma dell’edificio intelligente prevede il soddisfacimento delle esigenze dell’utente tramite l’analisi dei dati raccolti all’interno dell’edificio stesso. L’edificio da contenitore di attività diventa erogatore di servizi customizzati per gli utenti con una centralità del tema dell’occupazione che deve essere indagata in modo specifico e dettagliato. La digitalizzazione supporta questo tipo di approccio in quanto l'implementazione di Building Management System (BMS) in un ambiente Building Information Modeling (BIM) permette di collegare le informazioni rilevate in tempo reale dai sensori ad un banca dati BIM. Il monitoraggio delle utenze e delle condizioni ambientali consente di mettere in relazione le attività all’interno degli spazi con le necessità prestazionali, variabili secondo logiche energetiche e di comfort. La capacità di rispondere puntualmente e in realtime alle esigenze delle utenze può essere implementata con sensori e attuatori che controllano i flussi di energia, luce e ventilazione. La frontiera è realizzare un edificio cognitivo che, dalle richieste dell’utenza, possa apprendere, tramite machine learning e cognitive computing, come variare l’assetto per massimizzare il comfort minimizzando i consumi, sulla base di modelli predittivi. Il contributo propone la sensorizzazione di un caso studio all’interno dell’Università di Cagliari di particolare pregio, il Padiglione Mandolesi, per verificarne le condizioni interne e definire interventi compatibili con la conservazione, tesi ad implementarne le prestazioni energetiche. La ricerca mira a comprendere come organizzare e strutturare la rispondenza dell’edificio al fine di anticipare le esigenze degli utenti e come la loro centralità influisca su nuove logiche di intervento. Il flusso di lavoro è stato testato sull’edificio dello Smart Campus dell’Università di Brescia e viene individuata una proposta di trasferimento del concept al caso studio in oggetto.

Definizione preliminare del monitoraggio energetico per l’implementazione di un edificio cognitivo. Il Padiglione Mandolesi dell’Università di Cagliari Preliminary definition of an energy monitoring for the implementation of a cognitive building. The “Mandolesi Pavillon” at the University of Cagliari

Di Giuda, Giuseppe Martino;Villa, Valentina;Tagliabue, Lavinia Chiara;Sanna Antonello;Ciribini, Angelo Luigi Camillo
2017-01-01

Abstract

Il nuovo paradigma dell’edificio intelligente prevede il soddisfacimento delle esigenze dell’utente tramite l’analisi dei dati raccolti all’interno dell’edificio stesso. L’edificio da contenitore di attività diventa erogatore di servizi customizzati per gli utenti con una centralità del tema dell’occupazione che deve essere indagata in modo specifico e dettagliato. La digitalizzazione supporta questo tipo di approccio in quanto l'implementazione di Building Management System (BMS) in un ambiente Building Information Modeling (BIM) permette di collegare le informazioni rilevate in tempo reale dai sensori ad un banca dati BIM. Il monitoraggio delle utenze e delle condizioni ambientali consente di mettere in relazione le attività all’interno degli spazi con le necessità prestazionali, variabili secondo logiche energetiche e di comfort. La capacità di rispondere puntualmente e in realtime alle esigenze delle utenze può essere implementata con sensori e attuatori che controllano i flussi di energia, luce e ventilazione. La frontiera è realizzare un edificio cognitivo che, dalle richieste dell’utenza, possa apprendere, tramite machine learning e cognitive computing, come variare l’assetto per massimizzare il comfort minimizzando i consumi, sulla base di modelli predittivi. Il contributo propone la sensorizzazione di un caso studio all’interno dell’Università di Cagliari di particolare pregio, il Padiglione Mandolesi, per verificarne le condizioni interne e definire interventi compatibili con la conservazione, tesi ad implementarne le prestazioni energetiche. La ricerca mira a comprendere come organizzare e strutturare la rispondenza dell’edificio al fine di anticipare le esigenze degli utenti e come la loro centralità influisca su nuove logiche di intervento. Il flusso di lavoro è stato testato sull’edificio dello Smart Campus dell’Università di Brescia e viene individuata una proposta di trasferimento del concept al caso studio in oggetto.
Colloqui.AT.e 2017 - Demolition or reconstruction?
978-8896386-58-3
riqualificazione energetica; edificio cognitivo; big data; BIM.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
2017_Artec1.pdf

Accesso riservato

: Publisher’s version
Dimensione 1.77 MB
Formato Adobe PDF
1.77 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11311/1037441
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact