La nuova biblioteca della Camera di Commercio di Genova si colloca all’interno del palazzo Tobia Pallavicino, aggiungendosi al sistema di edifici per la cultura di strada nuova (tra cui i musei di Palazzo Bianco, Palazzo Rosso e Palazzo Doria Tursi, la sede del Municipio presso Palazzo Tursi). Per inserire i nuovi spazi nel complesso programma di eventi che si sviluppa all’interno di questo sistema, è necessario che la nuova biblioteca appaia come luogo accogliente, accessibile, pubblico. Per questo motivo la nuova biblioteca dovrà mostrarsi all’interno di palazzo Tobia Pallavicino con chiarezza, rendendo evidente il suo ruolo urbano, pur all’interno dell’edificio esistente. Il sistema di strada nuova sembra suggerire una strategia di intervento, fornendo interventi esemplari, che possono guidare la nostra proposta per la nuova biblioteca. Nell’immediato dopoguerra infatti, di fronte alle rilevanti distruzioni causate dai bombardamenti, Franco Albini e Franca Helg intervengono nei musei di Palazzo Bianco e Palazzo Rosso, facendosi mediatori tra il pubblico, gli edifici storici e gli oggetti esposti. Albini ed Helg non intervengono sugli spazi, semplicemente li disseminano di segni ed oggetti che ne suggeriscono possibili usi, ne sottolineano rapporti spaziali, definendo così un nuovo insieme di possibili relazioni. Proponiamo di rimuovere il solaio che copre la sala centrale del piano fondi e costituisce l’attuale pavimento del cortile interno. Rimosso il solaio, si mostra la possibilità di utilizzare la sala centrale del piano fondi come stanza a cielo aperto (il cortile infatti è già coperto), illuminata naturalmente dall’alto, ed accessibile direttamente dalla quota di piazza del Ferro. La sala viene così occupata da una grande stanza quadrata, interamente rivestita di libri. La nuova stanza dei libri stabilisce una relazione con le grandi sale di lettura europee. Al di là delle sue dimensioni relativamente ridotte (un cubo di 7,50 m di lato), la stanza dei libri attribuisce alla collezione della biblioteca della Camera di Commercio un ruolo esplicitamente monumentale, adeguato al sistema urbano in cui si va ad inserire. Dalla quota superiore, provenendo da via Garibaldi, è possibile entrare nel Palazzo, attraversare la sala “del Bergamasco” e affacciarsi sulla stanza dei libri. In un sorprendente capovolgimento, una voragine di libri si apre al di sotto del cortile settecentesco. Il cortile appare letteralmente fondato sulla collezione di libri della Camera di Commercio.

Biblioteca della Camera di Commercio a Palazzo Pallavicino, Genova

TAMBURELLI, PIER PAOLO;
2009

Abstract

La nuova biblioteca della Camera di Commercio di Genova si colloca all’interno del palazzo Tobia Pallavicino, aggiungendosi al sistema di edifici per la cultura di strada nuova (tra cui i musei di Palazzo Bianco, Palazzo Rosso e Palazzo Doria Tursi, la sede del Municipio presso Palazzo Tursi). Per inserire i nuovi spazi nel complesso programma di eventi che si sviluppa all’interno di questo sistema, è necessario che la nuova biblioteca appaia come luogo accogliente, accessibile, pubblico. Per questo motivo la nuova biblioteca dovrà mostrarsi all’interno di palazzo Tobia Pallavicino con chiarezza, rendendo evidente il suo ruolo urbano, pur all’interno dell’edificio esistente. Il sistema di strada nuova sembra suggerire una strategia di intervento, fornendo interventi esemplari, che possono guidare la nostra proposta per la nuova biblioteca. Nell’immediato dopoguerra infatti, di fronte alle rilevanti distruzioni causate dai bombardamenti, Franco Albini e Franca Helg intervengono nei musei di Palazzo Bianco e Palazzo Rosso, facendosi mediatori tra il pubblico, gli edifici storici e gli oggetti esposti. Albini ed Helg non intervengono sugli spazi, semplicemente li disseminano di segni ed oggetti che ne suggeriscono possibili usi, ne sottolineano rapporti spaziali, definendo così un nuovo insieme di possibili relazioni. Proponiamo di rimuovere il solaio che copre la sala centrale del piano fondi e costituisce l’attuale pavimento del cortile interno. Rimosso il solaio, si mostra la possibilità di utilizzare la sala centrale del piano fondi come stanza a cielo aperto (il cortile infatti è già coperto), illuminata naturalmente dall’alto, ed accessibile direttamente dalla quota di piazza del Ferro. La sala viene così occupata da una grande stanza quadrata, interamente rivestita di libri. La nuova stanza dei libri stabilisce una relazione con le grandi sale di lettura europee. Al di là delle sue dimensioni relativamente ridotte (un cubo di 7,50 m di lato), la stanza dei libri attribuisce alla collezione della biblioteca della Camera di Commercio un ruolo esplicitamente monumentale, adeguato al sistema urbano in cui si va ad inserire. Dalla quota superiore, provenendo da via Garibaldi, è possibile entrare nel Palazzo, attraversare la sala “del Bergamasco” e affacciarsi sulla stanza dei libri. In un sorprendente capovolgimento, una voragine di libri si apre al di sotto del cortile settecentesco. Il cortile appare letteralmente fondato sulla collezione di libri della Camera di Commercio.
Biblioteca, restauro, via Garibaldi, Strada Nuova, Albini e Helg
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
tamburelli baukuh SP10 · Nuova biblioteca della C...n Palazzo Tobia Pallavicino.pdf

accesso aperto

Descrizione: abstract del progetto
: Altro materiale allegato
Dimensione 7.08 MB
Formato Adobe PDF
7.08 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11311/1010434
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact