A Milano, nel corso del Quattrocento e della prima metà del Cinquecento, con l’eccezione della costruzione della sede delle Scuole Cannobiane, non si assiste alla realizzazione di edifici scolastici sulla base di exempla mutuati dall’antichità o dai trattati, come quello di Filarete, che aveva dedicato ampio spazio al Collegio dei fanciulli e a quello delle fanciulle della città di Plusiapolis. Tanto la localizzazione quanto l’immagine delle sedi dei principali istituti di formazione primaria e secondaria si rivela essere di fatto casuale — e per ciò stesso precaria — in quanto determinata dai beni ceduti dai singoli benefattori coi loro lasciti testamentari.

I Barnabiti e i luoghi dell'istruzione a Milano

BOSSI, PAOLO;REPISHTI, FRANCESCO
2016

Abstract

A Milano, nel corso del Quattrocento e della prima metà del Cinquecento, con l’eccezione della costruzione della sede delle Scuole Cannobiane, non si assiste alla realizzazione di edifici scolastici sulla base di exempla mutuati dall’antichità o dai trattati, come quello di Filarete, che aveva dedicato ampio spazio al Collegio dei fanciulli e a quello delle fanciulle della città di Plusiapolis. Tanto la localizzazione quanto l’immagine delle sedi dei principali istituti di formazione primaria e secondaria si rivela essere di fatto casuale — e per ciò stesso precaria — in quanto determinata dai beni ceduti dai singoli benefattori coi loro lasciti testamentari.
Le Scuole della Seconda Opportunità. Radici e germogli a Milano.
9788890694035
Milano
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Bossi-Repishti - Barnabiti_Studi_32.pdf

Accesso riservato

: Publisher’s version
Dimensione 299.07 kB
Formato Adobe PDF
299.07 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11311/1006246
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact